A Predazzo si parla di sport e legalità

Il Gruppo Sciatori Fiamme Gialle di Predazzo ha ospitato, dal 25 settembre al 1 ottobre 2022, il primo dei tre Campus della seconda edizione del progetto regionale “Sport e Legalità – La Scuola in Cattedra”, promosso dal Sottosegretariato Sport e Grandi Eventi Sportivi di Regione Lombardia, dall’Ufficio Scolastico Regionale e dai Gruppi Sportivi Fiamme Gialle della Guardia di Finanza.

Dopo il successo dell’edizione 2019, le Fiamme Gialle sono scese nuovamente in pista insieme al mondo della scuola collaborando alla realizzazione di un percorso formativo che affianca, alla pratica sportiva, seminari sulla legalità e sui corretti stili di vita, lezioni sulla preparazione atletica, workshop sul rispetto dell’ambiente, laboratori vari, nonché visite guidate nei luoghi di interesse artistico e culturale limitrofi alle tre sedi dei Campus: Predazzo, Castelporziano e Sabaudia.

Hella - We design cool shadows

Al Campus di Predazzo hanno preso parte gli studenti della classe 3^ T, dei corsi AFM GMS, dell’Istituto di Istruzione Superiore “Schiapparelli-Gramsci” di Milano, vincitore del bando per la partecipazione al primo stage del Progetto, organizzato come detto dal Gruppo Sciatori Fiamme Gialle, Sodalizio che ha offerto ospitalità a quattordici studenti, e a due loro insegnanti, presso la Caserma “Generale Carlo Valentino”, sede del V Nucleo Atleti.

Il Campus si è ufficialmente aperto domenica 25 settembre a Trento, in occasione dell’ultima giornata del Festival dello Sport 2022, quando il gruppo di studenti e i loro insegnanti è stato accolto, al loro arrivo nel capoluogo trentino, dai calorosi saluti di benvenuto del Vice Comandante Tecnico-Agonistico del Centro Sportivo della Guardia di Finanza, Ten. Col. Gabriele Di Paolo, e del Comandante del V Nucleo Atleti di Predazzo, Cap. Gianluigi Mariani. In quel di Trento, i ragazzi hanno potuto assistere a degli indimenticabili incontri con campioni del calibro di Paolo Maldini e Vincenzo Nibali, che al Festival dello Sport si sono raccontati attraverso dei talk-show assolutamente imperdibili.

Il Campus è poi proseguito con l’interessante escursione al “Geoparc Bletterbach” di Aldino, dove gli studenti hanno vissuto una vera e propria avventura geologica, addentrandosi nella gola rocciosa che permette di intraprendere un viaggio nel tempo, osservando da vicino l’interno della montagna e i suoi oltre 40 milioni di anni di storia. In Valle di Fiemme, nei giorni successivi, i partecipanti del Campus hanno poi preso parte a diversi seminari dedicati alle discipline dello sci di fondo e del salto con gli sci, all’apprendimento di nozioni sulla flora e la fauna del territorio, a delle sedute di arrampicata indoor oltre a delle interessanti visite all’Osservatorio Astronomico di Tesero e alla Caserma del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Passo Rolle, dove gli studenti hanno assistito, dopo una splendida passeggiata in Val Venegia, ad una dimostrazione di ricerca in superficie con unità cinofile curata dal personale del S.A.G.F.

Cemin Sport

Nel programma del Campus non poteva mancare l’incontro con il campione di sci alpino delle Fiamme Gialle Manfred Moelgg, che ha raccontato la propria esperienza sportiva e risposto alle numerose domande e curiosità dei ragazzi. Spazio anche a seminari sull’attività istituzionale della Guardia di Finanza, ad una visita alla Scuola Alpina di Predazzo, dove la scolaresca ha assistito alla suggestiva Cerimonia dell’Alzabandiera, partecipando anche, in qualità di attenti spettatori, all’altrettanto affascinante Cerimonia di Giuramento degli Allievi. L’intenso programma del Campus ha incluso anche una passeggiata nel centro storico di Trento, una vista al MUSE e un seminario, presso la sede del CONI provinciale, dedicato a montagna, ambiente ed alimentazione. Il Campus ha altresì offerto ai ragazzi la possibilità di assaggiare le specialità gastronomiche trentine e di conoscere, attraverso la mostra permanente “La Gran Vera” di Moena, la storia “dolomitica” di quell’immane tragedia che è stata la Grande Guerra.

Lo sport sa essere maestro di vita e può aiutare ragazze e ragazzi a vincere paure e timori, accompagnandoli lungo il loro percorso di crescita e aiutandoli a promuovere la loro autostima. Proprio in quest’ottica le Fiamme Gialle hanno voluto, grazie alla passione e alla disponibilità del proprio personale tecnico e di governo, partecipare nuovamente, in modo fattivo, al progetto dei Campus, che puntano ad esaltare la funzione socio-educativa dello sport. Ora il testimone passa al III Nucleo Atleti di Sabaudia (canoa e canottaggio), che ospiterà dal 02 all’08 ottobre il Campus degli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Crotto Caurga” di Chiavenna.

Martino Vanzo
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email