A “Un pasteur” la Genziana d’oro per il miglior film del 72° TFF

Una vita sospesa, fuori dal tempo e in un mondo inaccessibile, alle prese con la solitudine e con un avversario invisibile: la storia di Felix, un giovane pastore malinconico e riservato, ha stupito e commosso la Giuria internazionale del 72. Trento Film Festival, che ha quindi assegnato al film  Un pasteur di Louis Hanquet (Francia/2024/71′) la Genziana d’oro Miglior film – Gran Premio “Città di Trento”. «Il film offre l’ipnotizzante ritratto di un giovane uomo e della sua scelta esistenziale, capace di lasciarci tutti ammirati. Il regista cattura diversi momenti nella vita di Felix, circondato dai suoi animali, siano essi cani o pecore, di cui sa prendersi cura in maniera sensibile e attenta. Nella visione d’insieme che ci offre, Un pasteur ci richiama al rispetto e all’umiltà di fronte a una comunita0 composta da animali, uomini e natura che coesistono in armonia»: questa la motivazione della Giuria. Felix vive da solo e lavora con il padre per allevare il gregge di famiglia: dall’autunno alla primavera si prende cura dei suoi animali, li nutre e li custodisce nelle fitte foreste di lecci delle prealpi francesi. In estate, lascia il padre e percorre piu0 di duecento chilometri a piedi per condurre la mandria ai pascoli di montagna, fino alla valle dell’Ubaye, nelle Alpi dell’Alta Provenza. Lì0, per lunghi mesi, lontano da tutto e da tutti, vive in un mondo fatto di rocce, dove si aggira un essere invisibile: il lupo.

«Ha vinto la montagna vera, antica e al contempo attualissima, la montagna “agra”, fatta di asprezza e isolamento», ha commentato il presidente del Trento Film Festival Mauro Leveghi. «Scelte di vita non facili, un tempo figlie della necessita0, ora forse affrontate con maggiore consapevolezza e volonta0, ma in qualche modo ancora piu0 difficili da portare a termine, dovendo lottare contro nemici subdoli come le convenzioni sociali e gli stereotipi, potenti come gli effetti dei cambiamenti climatici, silenziosi e invisibili come il lupo».

Si aggiudica la Genziana d’oro Miglior film di alpinismo, popolazioni e vita di montagna Premio del Club alpino italiano Le fils du chasseur di Juliette Riccaboni (Svizzera/2023/54′), un film che «presenta la commovente vicenda di un giovane svizzero di origini marocchine animato dal desiderio di rientrare in contatto con il padre. La sua ricerca incontra momenti di straordinaria verità sulla vita del padre e del suo vecchio amico Charlot, riconnettendo il pubblico a tutti coloro che, in un modo o nell’altro, vengono lasciati indietro nella societa0». Una menzione speciale e0 stata assegnata a Marmolada – Madre Roccia di Matteo Maggi e Cristiana Pecci (Italia/2024/76’).

La Genziana d’oro Miglior film di esplorazione o avventuraPremio “Città di Bolzano” e0 andata a The Great White Whale di Michael Dillon (Australia/2023/104′)«per il coraggio, l’intraprendenza della troupe, il clima di cameratismo che traspare dai racconti dei protagonisti e l’uso sapiente degli archivi. The Great White Whale non e0 solo il primo tentativo riuscito di scalare la vetta del Big Ben. ÈD anche il valore metaforico di un orizzonte lontano da percorrere collettivamente, facendo tesoro delle esperienze di chi ci ha preceduto nelle stesse sfide. Ci ricorda che non c’e0 niente di piu0 rischioso del non fare nulla e che quello che rimpiangeremo quando saremo troppo stanchi e vecchi sono le possibilita0 non colte».

Fassa Coop

«La nuova avventura documentaria di Henna Taylor racconta la scalata del Dunn-Westboy Direct sul Longs Peak, portata a compimento da Madaleine Sorkin nel corso di un’intera giornata in parete. Una narrazione accorata, che tiene conto dei continui tentativi della Sorkin di raggiungere la vetta senza mai cadere. Per parafrasare Madaleine, Body of a Line “sembra una sinfonia che si muove nel nostro corpo”». Con questa motivazione la Genziana d’argento – Miglior contributo tecnico – artistico e0 stata assegnataa Body of a Line di Henna Taylor (Stati Uniti/2023/10′).

La Genziana d’argento – Miglior cortometraggio e0 andata invece a Postcards from the Verge di Natalia Koniarz (Polonia/2023/40′): «la storia intima di due giovani filmaker viaggiatori. Durante la loro avventura attraverso le Ande incontrano molte difficolta0 impreviste, dalla pandemia di Covid ai valichi di frontiera. In tempi incerti, la loro relazione raggiunge la maturazione nell’incontro con le difficolta0 di vita che devono affrontare i residenti locali». Una menzione speciale e0 stata assegnata a Silent Panorama di Nicolas Piret (Belgio/2024/5′).

Dorigoni

Il Premio della Giuria e0 stato assegnato infine a Diciassette di Thomas Horat (Svizzera/2023/17′), con questa motivazione: «la storia degli uomini, delle donne e la memoria dei luoghi armoniosamente si combinano nelle parole di Antonietta. I suoi ricordi ci riportano al momento in cui in Italia e0 stata necessaria una scelta. Diciassette ci dice come la scelta dell’antifascismo di una giovane partigiana abbia consapevolmente contribuito alla liberta0 delle generazioni che seguirono».

«C’è un filo conduttore che lega le scelte della Giuria, un filo che si snoda nella narrazione psicologica dei protagonisti e nel loro rapporto con i luoghi: non solo fondali di scena, ma motori di percorsi intimi e complessi», ha detto la direttrice della rassegna, Luana Bisesti. «Scelte come sempre originali e non scontate, degna conclusione di un’edizione che ha premiato la capacita0 del Festival di rinnovarsi, rinvigorendo nella contemporaneita0 i suoi settantadue anni di storia».

«Sono doppiamente felice per l’assegnazione della Genziana d’oro Gran Premio “Città di Trento” a Un pasteur di Louis Hanquet, primo perché è un film importante che racconta la scelta radicale di un ragazzo salito con il suo gregge e i suoi cani in montagna, lontano da tutti ma senza mai essere veramente solo; secondo perche Hanquet e0 un esordiente alla regia» ha concluso Mauro Gervasini, responsabile del programma cinematografico.  «I festival servono anche a questo. Rivelare talenti, scoprire i migliori autori di domani, e0 il massimo dell’aspirazione di chiunque organizzi una selezione».

Immobiliare Scorpion
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento