ApT Fiemme e Cembra, Gilmozzi riconfermato presidente insieme all’intero CdA

Una valle che vuole continuare a crescere, consapevole che il futuro si costruisce puntando sulla qualità, che non è mai un fatto acquisito ma un percorso che richiede innovazione, aggiornamento e formazione. Questa la mission dell’ApT Fiemme e Cembra ribadita ai soci, riuniti ieri in assemblea per l’approvazione del bilancio e il rinnovo delle cariche sociali. Con l’occasione è stata anche deliberata la nuova denominazione, dopo la scelta di Pinè di legarsi all’ambito territoriale di Trento.

Confermato all’unanimità, a dimostrazione di una condivisione di intenti e obiettivi, l’intero Consiglio d’Amministrazione: il presidente Paolo Gilmozzi, il vicepresidente Giuseppe Facchini, Pierluigi Brigadoi, Claudio Comini, Massimo Cristel, Ilaria Dalle Nogare, Licia Deflorian, Luca Guadagnini, Vera Rossi, Luca Tomasini, Alberto Vaia e Diego Zorzi.

Hella - We design cool shadows

Nella sua relazione sul biennio 2020-2022, Paolo Gilmozzi ha sottolineato i risultati positivi di un mandato caratterizzato da avvenimenti che hanno stravolto la vita del pianeta con evidenti ripercussioni anche sugli aspetti sociali ed economici locali. Incertezze e cambiamenti che sono stati affrontati dai soci, dalla governance e dallo staff dei collaboratori “con professionalità, flessibilità, disponibilità e competenza fino ad arrivare a chiudere l’ultima stagione invernale con i numeri migliori di sempre”.

Approvato all’unanimità il bilancio di esercizio, chiusosi con un utile di 232.389 €. In totale il valore della produzione è salito a 5.217.793 € (era pari a 3.622.023 € nel 2021). Positivo il fatto che l’aumento del costo della Summer Card – prima a 7 € nel 2020, poi a 10 € nel 2021 e infine a 15 € nel 2022 – non abbia compromesso il gradimento dell’offerta turistica estiva.

Un bilancio fatto non solo di numeri, ma anche e soprattutto di attività e di progetti che, nella loro globalità, indicano la strada che ApT intende percorrere, come ha ribadito il presidente: “Abbiamo anticipato le strategie di Trentino Marketing valorizzando e promuovendo l’offerta della valle in primavera e autunno; stiamo portando avanti, in collaborazione con lo chef Alessandro Gilmozzi un ambizioso progetto per la valorizzazione dell’offerta gastronomica, sempre più centrale nell’offerta turistica; abbiamo dato vita al progetto triennale World Wellness Weekend che ha garantito grande visibilità internazionale alla valle mettendo al centro il concetto di benessere e sostenibilità. Abbiamo poi lanciato un prodotto di marketing territoriale, assieme alla Cassa Rurale, per estendere anche ai residenti alcuni servizi offerti all’ospite, trasformando i valligiani stessi in ambasciatori consapevoli della qualità e delle specificità del territorio”.

Cemin Sport

Gilmozzi guarda al futuro con ottimismo e consapevolezza: “Ci aspettano sfide importanti di carattere globale che imporranno nuove riflessioni anche sul consolidamento delle forme di cooperazione tra pubblico e privato; per questo abbiamo invitato all’assemblea dei soci la Fondazione Fiemme Per, che può offrire risposte innovative a bisogni condivisi”.

Il prossimo triennio sarà anche il triennio olimpico: “Una sfida – conclude Gilmozzi – che deve trovarci preparati, e non solo dal punto di vista sportivo, nella consapevolezza che la sostenibilità ambientale e sociale saranno le chiavi di accesso al futuro nonché l’immagine del turismo delle valli dell’Avisio e del Trentino nel mondo”.

Martino Vanzo
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email