Ascoltare gli studenti su WeBeRadio alle 7 del mattino

Good morning school, buongiorno scuola! E’ il titolo del nuovo programma radiofonico mattutino di WeBeRadio, il progetto che vede coinvolti gli studenti degli istituti Marconi di Rovereto (scuola capofila), Tambosi di Trento e La Rosa Bianca di Cavalese e Predazzo.

La nuova trasmissione ha preso il via il 7 marzo. Ogni scuola gestisce,con cadenza trisettimanale, cinque puntate, dal lunedì al venerdì, dalle 7 del mattino a poco prima delle 8, con le voci e le scelte musicali degli studenti. “La Rosa Bianca” sta trasmettendo proprio questa settimana.

WeBeRadio è la prima web radio trentina gestita in autonomia da alcune scuole superiori. Il progetto, finanziato da un bando Caritro, ha iniziato a prendere forma lo scorso anno, anche se in forma ancora ridotta a causa delle limitazioni in atto per l’emergenza sanitaria. “Quest’anno, per fortuna, gli istituti sono riusciti ad attivarsi e a dare il via anche alla nuova trasmissione quotidiana “Good morning school”. L’obiettivo è quello di accompagnare gli studenti nel tragitto verso scuola con le voci dei loro coetanei e la musica che piace a loro. Ovviamente il programma può essere ascoltato da chiunque altro voglia dilettarsi con argomenti interessanti e divertenti”, commenta il professor Leonardo Gaggiano, responsabile del progetto che sta seguendo gli studenti che hanno aderito all’iniziativa.

Il vicario Michele Malfer aggiunge: “Si tratta di un’ottima opportunità sia per chi conduce il programma, che può mettersi in gioco con creatività e fantasia, sia per chi ascolta, che può imparare divertendosi. La partecipazione alle attività della radio è aperta agli studenti di entrambe le sedi. Siamo convinti della bontà di questo progetto che permetterà di acquisire abilità trasversali utili ai fini scolastici, ma non solo”.

“Good Morning School” può essere ascoltata sull’app WeBe Radio (scaricabile da Google Play e App Store) e sul sito https://webe.radio/.

Buon ascolto!

Nicoletta Palacios, Arianna Rasom, Andrea Urrutia

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento