Canazei Campo Base: incontri su montagna, turismo e sport

Luca Mercalli, Vittorio Sgarbi, Michil Costa, Stefania Constantini. Sono questi alcuni degli ospiti della seconda edizione di “Canazei Campo Base”, una serie d’incontri che, dal 21 luglio al 21 settembre, farà di Canazei e dell’intera Val di Fassa – specie dopo la tragedia del crollo del ghiacciaio di parte della Marmolada, del 3 luglio scorso – il luogo più autorevole per dibattere di montagna, tra cambiamenti climatici, turismo, sport e attività che vedono sempre più coinvolte le Dolomiti e le altre vette.

Dopo il grande successo della prima edizione, riprende più attuale che mai, quindi, il laboratorio di idee e visioni per il futuro della montagna, con otto appuntamenti, ideati e organizzati dai giornalisti Elisa Salvi e Giorgio Pedron, con il pieno sostegno del Comune di Canazei e dell’associazione “Ensema per Cianacei”. La rassegna riparte, così, il 21 luglio dall’alpinismo, l’espressione più nobile dell’andare in montagna, e lo fa con il film-documentario “L’uomo che accarezzava la roccia: la vita e l’alpinismo di Pierluigi Bini”, alla presenza dello stesso Bini e dei registi Fabrizio Antonioli e Stefano Ardito, che si confrontano, dopo la proiezione, anche con scalatori e sciatori estremi di Fassa, sui modi differenti, di ieri e di oggi, di conquistare le vette.

Sempre della montagna vissuta nella dimensione dell’avventura, tratta l’incontro del 28 luglio dal titolo “Amelia B. Edwards e le pioniere delle Dolomiti”: un excursus sulla straordinaria scoperta di questo territorio da parte della Edwards che, nella seconda metà dell’Ottocento, rese celebri le Dolomiti in Gran Bretagna, attraverso dipinti e testi. Il ritratto di Amelia è proposto dai fratelli Susan ed Alan Boyle, autori del libro “Spiriti delle Dolomiti”, mentre Andrea Selva, giornalista Rai, compie un viaggio tra altre figure femminili dei secoli scorsi che hanno contribuito alla fama delle Dolomiti, confrontando le loro esperienze con quelle delle alpiniste contemporanee.

Il 4 agosto si entra nel vivo dell’attualità con “Salire in montagna: terre alte e cambiamenti climatici” con Luca Mercalli, presidente dell’associazione Società Meteorologica Italiana, climatologo, giornalista e divulgatore. Mercalli, tra il resto, spiega sia l’evoluzione del ghiacciaio della Marmolada, di altri ghiacciai e delle cime in seguito al “global warming”, sia come la montagna sia il luogo ideale di vita dei prossimi anni per sfuggire all’innalzamento delle temperature.

Spazio alle donne dello sport ai massimi livelli con l’incontro, dell’11 agosto, “Olimpioniche: tre campionesse dolomitiche dei Giochi Olimpici di Pechino 2022”. Si tratta di Stefania Costantini, medaglia d’oro nel curling, Caterina Carpano, quarta nello snowboard-cross, Chiara Mazzel con Fabrizio Casal, settima in slalom alle Paralimpiadi, che raccontano soddisfazioni, esperienze e sacrifici delle ragazze che praticano sport invernali.

Un incontro di grande interesse, per una frequentazione diversa e colta del territorio montano, è “L’arte sulle Dolomiti” con Vittorio Sgarbi, in programma il 18 agosto. Il critico d’arte e presidente del Mart di Rovereto, ormai di casa in tutto il Trentino, illustra visioni e interpretazioni artistiche della montagna, indicando anche opere e itinerari da visitare tra le cime più belle: un’esperienza che unisce la bellezza del territorio Patrimonio Unesco alle capacità creative dell’uomo.

Il 26 agosto è la volta di “75 anni di Sitc”, serata dedicata alle vicende e allo sviluppo della società d’impianti a fune di Canazei che ha contribuito in modo significativo al turismo della Val di Fassa. Ospiti e “testimoni” sono Fiorenzo Perathoner, già presidente Sitc e Dolomiti Superski, Daniele Dezulian, presidente Sitc e Daniela Perathoner, consigliera cda Sitc.

L’1 settembre si parla invece di “Jir sa mont: la frequentazione consapevole e prudente della montagna”, tema quantomai centrale nella conoscenza e nella perlustrazione dell’alta quota. L’argomento viene affrontato da Elena Guella e Iole Manica, vicepresidenti Società Alpinisti Tridentini che nel 2022 compie 150 anni, Licia Favé, presidente Cai Sat Alta Fassa, Fabio Giongo, guida alpina – progetto “Sa Mont”, e Stefano Coter – Capostazione Soccorso Alpino Alta Fassa.

La rassegna si conclude il 21 settembre con “FuTurismo” che vede protagonista Michil Costa, albergatore, ambientalista e visionario. Costa che nel suo libro, di ultima uscita, lancia un accorato appello contro la monocultura turistica, una questione di primo piano, anche per Canazei, la Val di Fassa e tante realtà del territorio dolomitico.

Gli incontri si svolgeranno alle ore 21 in piaz Marconi a Canazei (meteo permettendo) o al cinema teatro Marmolada (in caso di pioggia) e saranno ad ingresso gratuito.

Foto: APT Val di Fassa

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento