BRT o RTT? Quale mobilità in Fiemme e Fassa?

L’Associazione Transdolomites, con la collaborazione del costruttore Stadler, noto per i treni tipo Flirt che circolano in Trentino ed Alto Adige, oltre che per molte altre tipologie di treni, anche a scartamento ridotto, e di tram in servizio in tutto il mondo, sta organizzando per  il 3 maggio 2022 la visita alla RTTL Rete Tram-treno del Luganese nel Cantone Ticino, in Svizzera (https://www.rttl.ti.ch/ )

Questo progetto interessa la città di Lugano ed i suoi sobborghi fino al confine italiano a Ponte Tresa (Varese): un’area densamente abitata con un’importante frequentazione turistica. E’ prevista la costruzione di nuove linee di tram, di cui Lugano finora è priva, e la loro unione con l’esistente ferrovia per Ponte Tresa per mezzo di un raccordo in galleria che permetterà ai treni di sbucare in pieno centro a Lugano e di proseguire, come tram, per le vie della città.

La ferrovia per Ponte Tresa, indicata con linea S60 della rete Ticino-Lombardia (TiLo), ha scartamento ridotto e binario unico, ma svolge in modo economicamente molto efficiente un servizio impressionante con inizio alle 5 della mattina e fine a mezzanotte e frequenza di 15 minuti dalle 6 alle 20, 30 minuti negli altri orari.

Per unirsi alla nuova rete tranviaria, la linea Lugano – Ponte Tresa si sta dotando di una flotta di tram-treni, veicoli capaci di viaggiare come treni sull’infrastruttura ferroviaria (maggiore velocità e protezione mediante segnali) e come tram in città (fermate molto vicine e marcia a vista), costruiti da Stadler. Durante la visita sarà possibile toccare con mano e viaggiare su questi veicoli innovativi e conoscere le loro caratteristiche tecniche ed i dettagli del progetto RTTL incontrando rappresentanti di Stadler e della società Ferrovie Luganesi SA che gestisce la linea.

Gli interessati possono effettuare con anticipo una pre-iscrizione contattando Massimo Girardi, presidente di Transdolomites al numero 320.4039769, o all’email: girardi.massimo@brennercom.net ,

La trasferta verrà effettuata con pullman dedicato che raccoglierà i partecipanti nelle Valli di Fassa, Fiemme, Cembra ed all’occorrenza a Trento. La quota economica per gli aderenti al viaggio verrà calcolata sulla base delle adesioni ricevute.

“Riteniamo che questo viaggio studio possa rappresentare un’occasione interessante, anche nella prospettiva della progettazione e realizzazione del tram a Trento e del collegamento su ferro  tra Rovereto-Riva” afferma Massimo Girardi, presidente di Transdolomites.

Come noto, Transdolomites ha promosso e sostenuto attivamente il progetto di una ferrovia convenzionale da Trento a Penia, mentre la Provincia si è orientata verso la realizzazione entro le Olimpiadi del 2026 di un Bus Rapid Transit in Fiemme e Fassa deliberando però nel maggio 2021 che “il “nuovo” piano stralcio della mobilità … potrà dare indicazioni in merito alla realizzazione di altri sistemi di trasporto di cui il BRT potrebbe costituire un elemento ancillare, di supporto o di partenza per una sua futura evoluzione”. In più occasioni la Provincia ha dichiarato che l BRT potrà evolversi in uno su ferro più veloce e capiente (ferrovia leggera). “Le informazioni sul progetto BRT diffuse fino ad oggi – afferma Transdolomites – lasciano però dubbi sulla reale possibilità di questa conversione del BRT: è perciò importante acquisire una conoscenza diretta di queste tecnologie, di cui il tram-treno è l’espressione più moderna e flessibile, per poter partecipare consapevolmente al dibattito e, come minimo, ottenere che il progetto del BRT sia fatto in modo da permettere realmente la trasformazione in ferrovia”.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento