Connettiti alla natura con il “Citizen Science” del Muse

Hai trovato una pianta o un animale sconosciuto? Puoi fotografarlo e chiedere lumi sulle piattaforme di “Citizen science”, ovvero scienza partecipata come “inaturalist”, ora anche in italiano, utilizzata anche  per un bellissimo progetto sulla biodiversità del Parco della Pieve di Cavalese portato a termine, in collaborazione con il Parco di Paneveggio – Pale di S. Martino, dagli studenti della Rosa Bianca di Cavalese, i quali, con il sostegno degli esperti che seguono la piattaforma, hanno censito 41 specie di insetti, 110 di piante e vegetali, 15 di funghi e licheni, 8 specie di uccelli e altrettanti di aracnidi, 6 di molluschi e ancora antropodi, rettili, mammiferi, anfibi.

Anche il Muse ha attivato un gruppo Facebook dove si può richiedere l’aiuto degli esperti del museo per i dubbi identificativi su minerali, rocce, fossili, piante, animali e costellazioni, e contestualmente rimanere aggiornati sulle attività di Citizen Science portate avanti dal museo. Se n’è parlato proprio in questi giorni dopo il ritrovamento di un piccolo geco che sorprendentemente ha sfidato l’inverno trentino e che è stato portato al caldo al museo.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento