Corvi Un ragazzo di strada

A Londra, una ventina di anni fa, ho comperato un cofanetto con  sei CD che contenevano il meglio della scena artistica psichedelica quasi esclusivamente inglese. Quasi tutte le band o quasi mi erano sconosciute, appartenendo  ad un movimento artistico autoprodotto e underground. Molte le chicche ma anche alcune vere ciofeche. Tra gli oltre 200 brani, uno solo italiano ovvero questo che vi segnalo oggi dei Corvi.

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento