Do l vièl del saer – Père Frumenzio vel te dir vèlch

Il 2021 è l’anno delle celebrazioni per i 40 anni della biblioteca dell’Istituto Culturale Ladino che dal 2014 è intitolata allo storico fassano Padre Frumenzio Ghetta. Un anno non solo di ricorrenze ma anche un’occasione unica per immaginare e perseguire una nuova idea di cultura ladina, fatta di condivisione e interazione con un programma ricco di attività dedicate a tutti e raccolte in modo più ampio sotto la promessa dichiarata di mia majon, mia storia, mia parlèda.

Do l vièl del saer – Père Frumenzio vel te dir vèlch è il titolo di una rappresentazione teatrale in lingua ladina che andrà in scena il 26 settembre all’Istituto Culturale Ladino. Una data scelta non a caso, ma emblematica perché il 26 settembre di ogni anno si festeggia la Giornata Europea delle Lingue indetta per promuovere l’importanza dell’apprendimento delle lingue e la loro diversificazione a favore del plurilinguismo e della comprensione interculturale con particolare attenzione alla tutela di tutte minoranze linguistiche come il Ladino.

La rappresentazione verrà ripetuta più volte nell’arco della giornata alle 17.00 e alle 19.00 per consentire a tutti di partecipare, senza creare assembramenti ed è dedicata ad uno dei padri fondatori dell’Istituto Culturale Ladino, Padre Fumenzio Ghetta. Un evento teatrale itinerante e promettente, ragionato per stupire e soprattutto per umanizzare la figura di un uomo, frate e ricercatore unico nell’epigrafe antica della storia ladina. 

A raccontarcelo è Alberta Rossiresponsabile della Biblioteca che porta il nome di Padre Frumenzio: «Abbiamo immaginato un incontro ravvicinato con Padre Frumenzio Ghetta, un modo unico per conoscerlo anche al di la delle sue più note imprese, un modo per ricordarlo e umanizzarlo agli occhi di tutti perché Padre Frumenzio, schivo e riservato ha trascorso tutto il tempo di cui poteva disporre non solo adempiendo ai suoi doveri sacerdotali e di carità, ma dedicandosi al recupero di manoscritti che, grazie al suo silenzioso operato, sono arrivati fino ai giorni nostri e grazie ai quali lui ha potuto scrivere la storia della Val di Fassa. Volutamente non vi sveleremo tutto ma… sarà Padre Frumenzio stesso a coinvolgere il pubblico con un messaggio alla popolazione affinché la capacità di custodire i valori del passato non venga perduta; non un semplice omaggio a Padre Frumenzio durante un anno di celebrazioni ma, un sentito ringraziamento all’uomo che, per la nostra cultura ladina, è più vivo che mai. L’idea è di David Dorich di Pozza di Fassa e il testo e la regia di Ilaria Chiocchetti di Moena».

Per prenotarsi telefonare in segreteria dell’Istituto al 0462 764267 (anche Whatsapp) negli orari d’ufficio entro il 25 settembre.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento