Domani e domenica l’ultimo atto del Tour de Ski in Val di Fiemme

Sabato 6 e domenica 7 gennaio: le fatidiche date del Tour de Ski in Val di Fiemme sono alle porte. Domani si aprono le danze con la 15 km TC mass start a Lago di Tesero e domenica si dà fuoco alle polveri con l’inimitabile 10 km TL della Final Climb, la Val di Fiemme propone una pista in condizioni perfette, mentre è attesa una nuova nevicata.

La 15 km in tecnica classica è la prima gara del fine settimana sulle nevi fiemmesi e sarà una prova alla quale prestare molta attenzione, parola di Cristian Zorzi. Proprio il campione ed ex-fondista di Moena ha detto la sua sulla gara distance di Lago di Tesero: “Se fossi nei panni dei migliori, soprattutto di chi vuole vincere, punterei a fare subito un bel ritmo e distanziare i diretti avversari. Sono sei giri e andranno gestiti con grandi capacità tattiche, e in più c’è l’incognita della neve”.

Dopo l’intensa 15 km sarà tempo del grande appuntamento del fine settimana: la Final Climb. Jürg Capol è l’inventore del Tour de Ski e per primo ha creduto fortemente nel progetto della scalata all’Alpe Cermis che inizialmente, 18 anni fa, non tutti avevano apprezzato. “La Final Climb è un gioiellino. Allo sci di fondo mancava qualcosa di davvero speciale, e riuscire a proporre un format unico come questo è stata una bella mossa”.

Riflettori puntati sui due leader della classifica generale: la statunitense Jessie Diggins e il norvegese Harald Östberg Amundsen difenderanno i loro scintillanti pettorali oro con le unghie e con i denti. Alle spalle dell’americana sono ben piazzate Niskanen (FIN) e Sundling (SWE), mentre al maschile è predominio norvegese alle spalle di Admunsen con Dönnestad e Nyenget.

Dorigoni

Federico Pellegrino attualmente è 8° a 2’22”, Ventura 35° a 7’11”, Barp 36° a 7’20”, Salvadori 37° a 7’20”, Daprà 44° a 9’11” e Noeckler 51° a 11’15”, e tra le donne Ganz 27.a a 6’11” e infine Comarella 32.a a 7’41”.

Per l’Italia, dopo i tanti ritiri fra gli atleti azzurri, si fa affidamento sul capitano Federico Pellegrino che sogna un bel piazzamento, ma è consapevole di doversi difendere nelle prossime giornate: “Nei format della Val di Fiemme non posso inventarmi granché, forse sarebbe stato addirittura meglio non partecipare alle fasi finali della sprint di Davos che ha preceduto una dura 20 km dove ho pagato molto. Il calendario propone questo, quindi anche se sono un po’ rammaricato non posso far altro che prenderne atto e fare quello che posso al meglio delle mie capacità”.

Arredamenti Depal

L’appuntamento, sulla pista giudicata la più dura del circuito di Coppa del Mondo, è per domani alle 11.30 con la partenza della 15 km femminile, seguita dalla prova maschile alle 15.25. Le mutevoli condizioni meteo metteranno a dura prova gli skimen, nella prima stagione senza l’uso del fluoro. Domenica pomeriggio gran finale con la Final Climb che decreterà i vincitori di questa 18.a edizione del Tour de Ski: alle ore 14.30 il via della 10 km TL degli uomini e alle 15.45 quelle delle donne. Inutile dire che bisogna esserci perché l’atmosfera che si respira allo stadio del fondo e sulle rampe della pista Olimpia III del Cermis è semplicemente imperdibile. In caso contrario, sono più di 15 le dirette TV trasmesse in tutto il mondo che garantiscono la visione live dell’evento.

Alle 11 di domenica scatterà la Rampa con i Campioni, una gara open sullo stesso tracciato dei “pro”. Al via ci sarà Justyna Kowalczyk, quattro volte prima nel Tour de Ski, ma anche Katerina Neumannova e Antonella Confortola. Per il pubblico, come sempre in Val di Fiemme, accesso libero.

Foto: Jessie Diggins – Newspower

Expert f.lli Tomaselli
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email