Drone o non drone? Questo è il problema

Il traffico aereo sopra le piste spaventa ancora: se il primo incidente del genere fu la caduta del drone che eseguiva le riprese televisive durante lo slalom di Campiglio del 2015 che sfiorò Marcel Hirscher, l’ultimo è avvenuto pochi giorni fa ad Aprica dove un elicottero da trasporto che faceva servizio ai rifugi ha perso il carico mentre passava sopra una pista, mettendo in estremo pericolo la vita di alcuni sciatori che si sono visti passare pacchi e casse caduti dal cielo.

Hella - We design cool shadows

Detto questo, alla fine dello scorso Dicembre, a Obertauern in Austria nel Salisburghese, la campionessa olimpica austriaca di snowboard Anna Gasser e il cantante folk Andrea Gabalier, noto appassionato di sci, si sono prestati per testare davanti alle telecamere due droni sperimentali Eeido di grandi dimensioni da 2.5 metri di diametro. Alla struttura di ciascun drone era stata agganciata una fune d’acciaio con un bilanciere a cui i due sciatori si sono aggrappati.

È stata la prima volta in cui un drone è stato ufficialmente utilizzato come “dispositivo di traino sulla neve” dopo che la scorsa estate era stato invece scelto per trainare atleti dello sci nautico. L’utilizzo del drone non è l’unico modo per risalire una pista senza gli impianti: negli Stati Uniti e in Canada dove gli spazi aperti sono molto ampi, da quest’inverno c’è chi sceglie di fare fuoripista e scialpinismo indossando uno Zoa PL1.

Anche tra gli scialpinisti e tra gli appassionati di backcountry, infatti, ci sono i pigri: chi non vuole faticare e sudare risalendo la montagna innevata con le pelli di foca, può infatti salire una sola volta il pendio, può legare ad un albero una fune speciale sottilissima e cominciare la discesa in fuoripista, lasciando srotolare la corda stessa (lunga 1200 metri e che pesa solo 6,6 grammi al metro) contenuta nello zaino ZOA PL1. Arrivati a valle, va estratto un motorino (del peso di 4.8 kg) a cui si aggancia la fune; la sua forza impressionante è capace di trainarvi in cima anche superando pendenze estreme. Il kit costa 1600$ circa.

Cemin Sport

Enrico Maria Corno

Martino Vanzo
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento