Giorgia Felicetti e Federico Liberatore sul podio a Pampeago

Si è risolto sul filo dei centesimi il primo slalom speciale Fis organizzato dall’Us Cornacci sulla pista Agnello all’Alpe di Pampeago. La gara maschile ha visto un distacco di soli 4 centesimi fra il primo e il terzo gradino del podio, mentre quella femminile solo 15 centesimi hanno separato la prima dalla seconda classificata.
Distacchi risicati a parte, a vincere la prima sfida della due giorni internazionale valida per il Trofeo Ski Center Latemar ci hanno pensato il cuneese delle Fiamme Gialle Corrado Barbera e l’altoatesina del Gs Fiamme Azzurre Petra Unterholzner, entrambi migliorando la posizione rispetto alla prima manche.

Barbera ha dunque costruito la sua vittoria grazie ad una strepitosa seconda manche, che gli ha consentito di recuperare ben 9 posizioni e a lasciare alle spalle tutti gli avversari. Il primo inordine di classifica è stato il poliziotto Stefano Pizzato che ha chiuso a soli 2 centesimi dal vincitore, quindi sul terzo gradino del podio si è rivisto il fassano di Mazzin Federico Liberatore.

Il portacolori delle Fiamme Oro era secondo dopo la prima manche e nel finale sul muro dell’Agnello ha lasciato sul terreno proprio i centesimi che non gli hanno consentito di gioire con una vittoria, chiudendo terzo a soli 4 centesimi dal primo. Quarto posto per il polacco Pawel Pyjas, che era in testa a metà gara, quindi scorrendo la graduatoria troviamo Tommaso Saccardi, Manuel Ploner, Hans Vaccari, Lorenzo Moschini e Matteo Bendotti. In diciassettesima posizione troviamo poi Francesco Santacroce e 34° il moenese Tommaso Olcese, quini 36° Giorgio Baldo, 45° Fabian Cincelli e 45° Federico Fontana.

Nella gara femminile a metà gara era in testa la predazzana Giorgia Felicetti, con un vantaggio di 12 centesimi sull’altoatesina della Val d’Ultimo, che però nella seconda manche ha sciato con maggiore precisione, centrando la vittoria e sopravanzando la portacolori dello Ski Team Cavalese di 15 centesimi.

Sul terzo gradino del podio, con un ritardo di 65 centesimi, troviamo la lussemburghese Gwyneth Ten Raa, quindi l’andorrana Carla Mijares Ruf, che ha stabilito il miglior tempo nella seconda manche, recuperando ben tre posizioni. Prestazione positiva per la roveretana Matilde Vianello, che ha concluso al settimo posto, con un ritardo di 41 centesimi dalla vincitrice e perdendo due posizioni rispetto a età gara. Da segnalare poi il 22° posto di Valeria Piazzi, il 23° di Marta Cincelli e il 25° di Alessandra Facchini.

Domani si replica con un secondo slalom Fis, organizzato sempre dall’Us Cornacci.

Foto: FISI

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento