Giro d’Italia in barca a vela – Parte 2: “La Notte della Consapevolezza”

Sono Cecilia Zorzi, velista. Le mie radici sono tra le splendide montagne della Val di Fiemme ma ora giro il mondo solcando i mari a bordo di una barca a vela. Dopo anni di mancanza di una regata che circumnavigasse l’Italia, nel 2021 ne sono state organizzate ben due, prima in un verso – da Genova a Trieste – e poi nell’altro, da Venezia a Genova. Nel giro di poche settimane quindi mi sono ritrovata a completare due volte il periplo del nostro bellissimo paese e quello che leggerete è il mio racconto del secondo, il Marina Militare Nastro Rosa Veloce, regata non-stop di 1500 miglia da percorrere su una barca a vela condotta da un equipaggio misto – una donna e un uomo.

Qui puoi trovare la prima parte del racconto.

Navighiamo di nuovo in poppa. Dopo ore di bonaccia infatti è finalmente entrata una bella brezza che ci spinge lungo le coste abruzzesi. Dovrebbe esserci una luminosa luna crescente ma il cielo è coperto e la notte non potrebbe essere più nera. Sembrerebbe di galleggiare nel nulla se non fosse per le luci della costa, che però appaiono e scompaiono dietro alle creste delle onde. Il vento soffia deciso ma mai sopra i 22-25 nodi.

Il mio turno al timone è iniziato da poco ma già fatico a tenere gli occhi aperti, ancora non ho preso il ritmo sonno – veglia che è necessario rispettare in una regata in equipaggio ridotto, e quello che ritenevo il miglior rimedio per la sonnolenza, la paura, non è efficace come pensavo. Mi rendo conto quanto questa paura non dipenda dalle condizioni meteo, impegnative ma affrontabili, ma da una consapevolezza che mi colpisce all’improvviso.

È la prima volta che mi trovo a navigare senza un “mentore” al mio fianco; il mio co-skipper Alessandro è un bravissimo marinaio ma non ha mai navigato su questa classe di imbarcazioni, perciò sono io, soprattutto in un primo momento, a dover prendere le decisioni sull’assetto della barca e sulla navigazione, sulla rotta e sulle scelte tattiche.

È una sorta di battesimo velico che sconvolge la mia seconda notte di regata e fa prendere una piega diversa all’intero evento. Comincio a non distinguere più i numeri sugli strumenti, devo trovare una soluzione per svegliarmi e anche in fretta. E allora ricordo: la miglior caffeina per me è sempre stata la musica! Tiro fuori il cellulare e cerco di incastrarlo tra il collo della cerata e il cappuccio, non so dove ho messo le cuffie e quello è l’unico modo per sentire l’altoparlante. Canzone dopo canzone le palpebre si fanno sempre più leggere.

La paura lascia spazio all’eccitazione, e invece di temere ogni onda inizio a cercarle una a una per sfruttarle al meglio. Voglio più velocità, voglio surfarle tutte. Il mood è vincente sotto tutti i punti di vista, e dopo un’oretta le lucine verdi e rosse sulla testa degli alberi dei nostri avversari mi danno l’impressione di aver guadagnato un bel po’ di strada. Il tracking lo conferma, siamo primi!

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento