Giro d’Italia, la tappa trentina

Sono state ufficialmente presentate ieri le due tappe trentine, la numero 17 e la numero 18: l’arrivo a Lavarone da Ponte di Legno il 25 maggio e la partenza il giorno successivo da Borgo Valsugana verso Treviso. Nel tratto trentino, dal Passo del Tonale la carovana del Giro attraverserà quindi tutta la Val di Sole e la parte di Val di Non che porta fino alla piana Rotaliana, risalirà poi a Segonzano e scenderà in Valsugana. Qui i ciclisti affronteranno due salite durissime, che porteranno i campioni a sfidarsi verso la classifica finale del Giro, considerato che la tappa trentina è prevista nell’ultima settimana di gara: il passo del Vetriolo e il monte Rovere, con la strada del Menador, dove si prevedono stacchi importanti tra i partecipanti prima dell’arrivo a Lavarone. Il giorno seguente la partenza da Borgo, con il percorso che attraverserà tutta la Valsugana fino al confine con il Veneto. Nei prossimi giorni sono in programma dei sopralluoghi tecnici preparatori alla messa a punto definitiva della tappa, che in ogni caso manterrà le dovute regole sanitarie, come green pass, dove necessario, mascherine e distanziamento. L’ultimo Giro d’Italia che aveva toccato la Valsugana risale al 1988.

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento