Gruppo Alpini Cavalese: “non esiste l’impossibile”

Francesco Morandini

 

Nome: Gruppo Alpini Cavalese

Anno di fondazione: 1927

Capogruppo: Vanzo Alberto

Direttivo: Vanzo Alberto, Vaia Pasquale, Sontacchi Alessandro, Bellante Costante, Zorzi Dario, Vaia Luca, Defrancesco Gianni, Dagostin Igor e un rappresentante degli amici degli Alpini Vanzo Mauro.

Di cosa si occupa: Il gruppo nell’aspetto più pratico: in gennaio si occupa di preparare e distribuire grostoli e vin brulè alla festa di patrono di Cavalese (San Bastian), poi durante la festa in piazza della marcialonga si auto finanza gestendo una casetta che distribuisce piatti tipici e vin brulè, al carnevale dei bambini il gruppo aiuta il Comune nella riuscita della sfilata e merenda per tutti, in maggio c’è la nostra adunata Nazionale che ormai da due anni non possiamo più festeggiare, poi prepariamo un rancio alpino a tutti i partecipanti della “giornata ecologica” annuale. In giugno distribuisce piatti tipici alla “giornata senz’auto”, in agosto organizza il raduno alpino in Val Moena con SS. Messa e pranzo in quota, a settembre prepara e distribuisce i pasti a tutti i partecipanti della “marcialonga running”, a novembre ricordiamo i caduti di tutte le guerre con una sfilata con Santa messa e deposizione della corona al monumento dei Caduti, poi a fine mese siamo impegnati nella “colletta alimentare”. In dicembre ormai da tantissimi anni portiamo un pensiero ed un regalo ai bambini dell’asilo di Cavalese e ai ragazzi del centro anfass.

Scopi e obiettivi: Lo scopo dei vari gruppi Alpini d’Italia e quello di essere presenti capillarmente nei paesi e nelle città per portare avanti l’insegnamento e la disciplina imparata durante la leva, mettendola in pratica nell’organizzazione di eventi, di calamità come terremoti, alluvioni ed emergenze sanitarie tramite l’ ANA nazionale o con la protezione civile.Ricordare e portare rispetto nelle varie ricorrenze: i caduti di tutte le guerre, organizzare trofei sportivi per favorire lo sport a tutte le età nello stesso tempo ricordare chi ci ha lasciato.Organizzare sagre, patroni e feste Alpine, mettendo a disposizione della comunità esperienza e attrezzatura, aiutare nel limite delle possibile le amministrazioni comunali ed il sindaco nei lavori di fiducia svolti nella comunità.

Cosa è stato fatto nel 2020: Nel 2020 abbiamo potuto fare solo le prime tre cose: cioè il patrono di paese, la casetta in piazza alla Marcialonga e il carnevale dei bambini a fine febbraio. Poi la pandemia aveva preso piede anche nelle nostre valli, senza perderci d’animo abbiamo subito cercato di fare qualcosa per la comunità. Parlando con le infermiere del reparto covid del nostro ospedale era emersa la difficoltà di  mettere in contatto i degenti con i propri famigliari, cosi il giorno seguente abbiamo comperato e consegnato al reparto un tablet con scheda per videochiamate da dedicare solo ai degenti di quel reparto.
Poi attraverso il progetto della Comunità territoriale di Fiemme “resta a casa passo io” abbiamo portato medicinali e spese a tutti coloro che ne facevano richiesta sia nei mesi primaverili fino a giugno, sia questo autunno.

Cosa vorremmo fare nel 2021: Nel 2021 vorremo finalmente poter fare la nostra adunata di Rimini, ma non  siamo sicuri che sia ancora possibile, anche perché un adunata con distanziamento non credo sia possibile, meglio aspettare di poterla fare senza pericoli. In agosto vorremmo fare il raduno Alpini in Val Moena assieme al gruppo Alpini di Masi, perché avendola costruita assieme nel 1981 quest’anno cadrebbe il quarantesimo. Nel frattempo continueremo ad aiutare la comunità come possiamo.

Il motto: “per gli Alpini non esiste l’impossibile”

Perché aderire: Le persone che vengono ad aiutarci nelle varie manifestazioni o rappresentanze sono contente ed entusiaste di poter fare qualcosa per gli altri, nessuno ha mai preso un centesimo e mai verrà pagato, il fare per gli altri è una cosa che ti ripaga e ti spinge a farlo ancora, chi è stato nei vari campi terremotati a fare una settimana di lavoro, poco dopo si prendeva un’altra settimana di ferie per poter fare un altro turno. Aiutare gli altri ti ripaga molto più del denaro, ti riempie il cuore e ti fa una persona migliore.

Contatti: email: albivin@virgilio.it . Pagina Facebook: Alpini Cavalese

 

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Un commento su “Gruppo Alpini Cavalese: “non esiste l’impossibile””

Lascia un commento