Il 3 luglio la commemorazione delle vittime della Marmolada

Nell’anniversario della tragedia della Marmolada, il prossimo 3 luglio ai piedi della montagna saranno commemorate le vittime e verrà ricordato l’impegno degli operatori della Protezione civile con una cerimonia solenne e la benedizione di uno spazio dedicato alla meditazione nella natura. “Quelle giornate rimarranno indelebili nella nostra memoria – ha dichiarato il sindaco di Canazei, Giovanni Bernard -. La Marmolada è la montagna che noi tutti amiamo e nessuno poteva aspettarsi quanto è accaduto. Per questo motivo, accanto alle celebrazioni ufficiali il nostro paese ha organizzato due eventi di approfondimento e di ricordo”.

Hella - We design cool shadows

Lunedì 3 luglio, alle ore 11 sarà celebrata una messa a Passo Fedaia, nel piazzale a monte del rifugio Cima Undici. Al termine della celebrazione religiosa, una targa commemorativa sarà deposta in uno spazio commemorativo situato poche decine di metri più in alto. In caso di maltempo, la prima parte della cerimonia si svolgerà nella chiesa parrocchiale di Canazei.

Per sabato 1 e domenica 2 luglio, il Comune in collaborazione con l’associazione “Ensema per Cianacei” ha organizzato invece due appuntamenti. Alle ore 21 di sabato, piazza Marconi (in caso di maltempo il cinema teatro Marmolada) ospiterà un dibattito pubblico dal titolo “Marmolada, il futuro della montagna al tempo del cambiamento climatico”, con la partecipazione del re degli ottomila Reinhold Messner e del glaciologo del Muse Christian Casarotto; saranno presenti anche un rappresentante della Giunta provinciale, il sindaco Bernard e il direttore dell’Azienda per il turismo Valle di Fassa Paolo Grigolli (moderano i giornalisti Andrea Selva ed Elisa Salvi). La serata si aprirà con la proiezione del documentario realizzato da Selva e incentrato sulla tragedia.

Domenica 2 luglio alle ore 15, i canti di montagna del Coro Valfassa diretto dal maestro Stefano Lazzer risuoneranno a Passo Fedaia. Un concerto dedicato alle vittime.

Cemin Sport

Foto: Provincia Autonoma di Trento

Martino Vanzo
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email