Il Festival day to day – Giorno 1

Per la comunicazione del Festival oggi è il giorno 2, ma per noi è il giorno 1, il primo giorno che seguiremo le proiezioni della 69° edizione del Filmfestival Montagne e culture di Trento.
Da domani vi racconteremo non tanto, o non solo, ciò che potrete vedere seguire in giornata (caso mai ne paleremo il giorno prima per consentirvi la scelta di film o appuntamenti). Questi li potete trovare segnalati esaurientemente sul sito https://trentofestival.it/edizione-2021/.
Vi racconteremo le nostre impressioni, i film seguiti, le reazioni del pubblico, gli autori o i registi ove fossero presenti. Insomma, il Festival da dentro, anche se non sarà quello di 2 anni fa, con particolare attenzione ai film, ai personaggi, agli incontri che interessano le valli dell’”Avisio”.
Oggi in mattinata c’è stata la presenza del nostro chef stellato, il cavalesano Alessandro Gilmozzi, a coordinare un incontro su “La cucina in montagna assapora il futuro”.
Alle 18 il primo live streaming, dal set allestito da Palazzo Roccabruna in collaborazione con Le garage lab, con un altro personaggio già conosciuto in valle, il forestale, scrittore e divulgatore Daniele Zovi che per “Emozioni tra le pagine” presenterà il libro Autobiografia della neve, edito da UTET. Zovi Il libro è finalista del Premio ITAS del libro di montagna e unisce grandi competenze naturalistiche al vissuto sull’Altopiano di Asiago. Dialogherà con l’autore Lorenzo Carpanè, coordinatore del Premio, in un incontro che sarà trasmesso in diretta sul sito e sui social del Trento Film Festival.

L’evento di chiusura della giornata sarà una solida costante per tutti i giorni del Trento Film Festival: le Dirette di montagna con Hervè Barmasse, alle 21.00 in diretta dal set del Supercinema Vittoria, visibili sul sito, sulla pagina Facebook e sul canale Youtube del Festival. Il titolo della prima serata è Una montagna che ispira, nella quale Hervè Barmasse dialogherà con Tudor Laurini, content creator e music producer, e Francesco Quarna, selezionatore musicale e voce di Radio DEEJAY. L’isolamento forzato dell’ultimo anno ha portato a una maggiore connessione con i media, dalla radio ai canali digitali, che sono diventati inseparabili compagni di vita per milioni di persone. Allo stesso tempo, il desiderio di libertà e grandi spazi, ha regalato la possibilità di riconnettersi con la natura. Durante questa chiacchierata si scoprirà una montagna che ispira, fonte di benessere, divertimento e libertà di espressione.

Da parte nostra seguiremo alle 15.30 al cinema Modena l’apertura della rassegna cinematografica con due film della sezione Proiezioni Speciali. Il primo è il cortometraggio in anteprima mondiale Venìa (di Emanuele Confortin, Italia / 2019 / 21’) che narra la storia di Malga Venegiota al cospetto delle Pale di San Martino. Il possibile futuro dell’alpeggio richiede passione e senso del sacrificio ed oggi più che mai è in mano ai giovani. In seguito l’anteprima mondiale di Il Brenta raccontato a mio figlio (di Alessandro De Bertolini e Lorenzo Pevarello, Italia / 2021 / 50′). Il documentario segue il percorso in bicicletta intrapreso da Alessandro e suo figlio Lorenzo, di un anno e dieci mesi.
Alle 17.45 altri tre film della sezione Orizzonti Vicini. Il primo è Ein Mann zu sein (di Felix Rier, Italia / 2021 / 4’) in anteprima mondiale. Racconta di un giovane che viene a conoscenza di un caso di violenza sessuale nei confronti di una cara amica e che a causa del suo genere, si sente moralmente responsabile per il tragico evento. Subito dopo Con il sorriso (di Andrea Azzetti, Italia / 2021 / 26′). È la storia di Roberta, gestrice del rifugio Roda di Vael nel gruppo del Catinaccio, di cui abbiamo già scritto nei giorni scorsi.
Infine in serata, alle 20 l’attesissimo film in Concorso in anteprima italiana: Paolo Cognetti. Sogni di grande nord (di Dario Acocella, Italia / 2020 / 80’). Un viaggio letterario ed emozionante intrapreso dallo scrittore Paolo Cognetti e dall’amico Nicola Magrin, viaggiatore e illustratore, dalle Alpi all’Alaska, ripercorrendo le parole e attraversando i luoghi di alcuni dei grandi maestri della letteratura americana, alla ricerca di una nuova frontiera esistenziale per l’uomo e per la sua convivenza con l’Ambiente.

 

 

 



 

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento