Il futuro del salto

Sta tutto nel nome il senso e il significato della gara test che si è tenuta sabato al Centro del salto di Predazzo, organizzata dalla US Dolomitica in collaborazione con il Comune di Predazzo e lo Sport Hotel Sass Maor: Obiettivo Olimpiadi 2026. E chissà che tra i ragazzi che hanno partecipato non ci siano davvero i campioni di domani. 

Quel che è certo è che la US Dolomitica, oltre alla soddisfazione per la riuscita generale dell’evento (che ha visto la partecipazione anche di una selezione di atleti dello Ski College austriaco di Stams, guidati dall’ex allenatore responsabile della nazionale di salto speciale germanica Werner Schuster), può applaudire quelli che sono i suoi campioni di oggi. La società gialloverde, e in generale la Val di Fiemme, ha infatti conquistato ottimi piazzamenti. 

Nella gara femminile sulla HS32 ha vinto Maja Delugan dell’ASD Cauriol, mentre sull’HS66 il primo posto è andato all’atleta della Dolomitica Giada Delugan. Nella gara test maschile HS32 i colori gialloverdi hanno vinto con Manuel Boninsegna, seguito dal compagno di squadra Matteo Delugan. Buoni risultati anche per Filippo Desilvestro e Andrea Consolati. Nella categoria Schuler II, secondo posto per il predazzano Bryan Venturini. Tra gli Jugend hanno partecipato anche gli atleti di casa Luca Libener, Eros Consolati e Jihad Ouachi. 

Un fine settimana di amicizia e sport. Un vero e proprio salto verso il 2026 e il sogno olimpico di tanti giovani saltatori e di un’intera comunità.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento