Il lockdown nei “Diari di viaggio collettivi”

Per la biblioteca di Predazzo era stato un modo per stare vicino ai propri utenti durante il lockdown di marzo-aprile ed ora, gli scritti, i pensieri, i disegni, i sogni, le riflessioni e i video realizzati in quel periodo da coloro che avevano raccolto l’invito a condividere pensieri e immagini sulla pagina Facebook della biblioteca sono stati pubblicati, seppur in numero limitato, in 5 fascicoli raccolti fra due cartoncini col titolo comune “Poesie, pensieri, riflessioni, immagini. La vita al tempo del Covid-19”. Possiamo approfittare di questo “tempo dilatato” – era stato l’invito della biblioteca – per rallentare la nostra corsa, fermarci a riflettere, fare tutte quelle cose che abbiamo sempre procrastinato, soffermarci su ciò che ci circonda e guardarlo con occhi nuovi, volerci bene e trovare spazi per noi, per apprezzare chi ci sta accanto, per aiutare gli altri, per non dare più nulla per scontato.

Nel primo fascicolo sono raccolti i disegni, realizzati soprattutto dai bambini. Nel secondo, le riflessioni su quel periodo di clausura e nel terzo libretto, il più consistente, le fotografie e i codici QR per accedere ai video postati su Youtube. Il quarto libretto, dal titolo “scrivo” raccoglie invece i pensieri più profondi di quel momento di isolamento, mentre nel titolo “sogni” sono racchiusi gli sguardi e le speranze proiettati nel futuro. La raccolta è stata donata a tutti coloro che hanno partecipato, ma alcune copie sono disponibili in biblioteca per la consultazione.

“Grazie a ciascuna e a ciascuno – scrivono le bibliotecarie – per quanto condiviso. Per noi è stato bello ed importante sentire che c’eravate, che, anche se separati, continuavamo ad essere una comunità”.

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento