Il Mistero della Rocca di S. Valerio: il grande successo della prima rappresentazione

A distanza di 5 anni dall’ultimo “Processo alle streghe”, promosso dall’allora Comitato Rievocazioni Storiche di Cavalese, la nuova “Compagnia Teatrale 1111” ha portato in scena, venerdì 22 luglio, una rappresentazione storica intitolata “Il mistero della rocca di San Valerio” (la torre che si erge sull’omonimo colle a sud del Parco della Pieve del capoluogo fiemmese). Si tratta di un giallo teatrale ambientato nella Cavalese di fine 1500 la cui storia è stata scritta da Luigi Piazzi. Lo spettacolo si è rivelato un successo, attirando un grande pubblico.

Nell’incantevole cornice del Parco della Pieve dove l’Amministrazione comunale ha realizzato un palco per gli eventi all’aperto, lo spettacolo è stato introdotto dalla presentazione di Antonio Vanzetta a cui ha fatto seguito la rappresentazione sotto l’attenta regia di Mario Vanzo (Shaft) e Beppe Spazzali per la parte audio. In questo contesto si sono esibiti 15 attori in costume d’epoca e diverse comparse, frutto anche della presenza di rappresentanti della Compagnia teatrale “L’arizol” di Masi di Cavalese e della Filodrammatica di Tesero.

La storia racconta dell’indagine di uno zelante “Capitano Vescovile”, interpretato dall’attore cavalesano Bruno Vanzo, il quale nello svolgimento del suo incarico scopre vizi e virtù della società di allora. Una formula alternativa, quella del giallo storico, per far conoscere al pubblico, composto in gran parte da turisti, uno spaccato della vita e della storia di Fiemme e della sua Comunità. La nuova “Compagnia teatrale 1111” di Cavalese è infatti nata per proseguire e ampliare le attività del Comitato Rievocazioni Storiche e ricorda che lo spettacolo sarà replicato Venerdì 19 agosto 2022 ad ore 21 nello stesso Parco della Pieve. In caso di maltempo lo spettacolo avrà luogo al Palafiemme.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento