Il norvegese Noroy e la polacca Kowalczyk conquistano la “Rampa con i Campioni”

La Rampa con i Campioni si conferma una delle gare open dello sci di fondo più belle e spettacolari di sempre. Magnus Noroy è il primo sul traguardo dopo un grande finale e Justyna Kowalczyk si conferma la grande campionessa che ricordavamo dai tempi in cui in carriera vinceva per quattro volte il Tour de Ski: è lei la vincitrice al femminile di questa Rampa.

Allo start dallo Stadio del Fondo di Lago di Tesero un folto gruppo di amatori ed ex campioni si sono lanciati alla conquista dell’Alpe Cermis sotto una leggera nevicata che ha reso ancor più interessante la gara.

Affrontato velocemente e senza intoppi il tratto di trasferimento fino all’imbocco del Cermis, i primi atleti hanno iniziato a toccare con mano le erte della pista Olimpia III: si sono contraddistinti durante l’ascesa il norvegese Sondre Bollum, gli italiani Daniele Serra e Julian Brunner, e il tedesco Daniel Debertin. Con loro nelle prime posizioni anche il norge Magnus Noroy, con il classe 1998 a staccare tutti negli ultimi tornanti del Cermis: “Non avevo mai affrontato una gara così, ma mi sono divertito molto.

Ski Area Catinaccio a Vigo di Fassa

Durante l’ascesa mi sentivo bene e sono riuscito ad avere una bella progressione che si è rivelata decisiva e alla fine mi ha permesso di raggiungere l’arrivo per primo”, afferma il giovane Noroy. “Che gara dura! Non essendo mai riuscito a qualificarmi per il Tour de Ski non avevo mai scalato il Cermis, ma questa Rampa è stata l’occasione giusta per provarci. Un’emozione unica e anche il risultato mi lascia soddisfatto”, dichiara un contento Daniele Serra, secondo classificato che difende i colori del Team Robinson Trentino. Con Noroy e Serra è Daniel Debertin (GER) a chiudere il podio maschile della Rampa.

Con una start list in cui compare il nome di Justyna Kowalczyk prevedere l’epilogo della Rampa femminile era facile: la campionessa polacca ha trionfato questa mattina sul Cermis. Prima fra le donne e 14.a classificata overall, la punta di diamante della formazione “di casa” del Team Robinson Trentino si è arrampicata con la sua inconfondibile sciata su per l’Olimpia III e al traguardo ha dichiarato sorridente: “È una bellissima emozione. Amo la Val di Fiemme, sono legata a questa località con dei bellissimi ricordi. Sono tornata su questo tracciato dopo diversi anni: la fatica è la stessa ma l’adrenalina che provo sugli sci anche”. Accompagnano Kowalczyk sul podio la svedese Anna-Karin Stromstedt e la tedesca Sigrid Mutscheller.

Una Rampa con i Campioni che mette in cassaforte l’ennesima edizione di successo e che conferma la genialità dietro a un’invenzione che ha invertito lo stato delle cose: da una pista di sci alpino, l’Olimpia III del Cermis si trasforma in una pista da sci di fondo e ciò che anni fa sembrava impensabile è ora la normalità. Oggi gli amatori hanno dato un’altra grande prova della loro preparazione e passione per gli sci stretti, confrontandosi con la gara più tosta della Coppa del Mondo.

Foto: Magnus Noroy all’arrivo – Newspower

Expert f.lli Tomaselli
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email