Inaugurato il nuovo stabilimento Felicetti

È stato inaugurato sabato mattina, alla presenza di oltre 150 ospiti, il nuovo stabilimento di Pastificio Felicetti, un gioiello di architettura industriale sostenibile che potenzia la capacità produttiva dell’azienda, con l’obiettivo di superare il tetto dei 60 milioni di ricavi entro il 2024. Alla cerimonia hanno preso parte, tra gli altri, il sindaco di Castello-Molina di Fiemme Marco Larger, il Presidente della Comunità di Valle Giovanni Zanon e il Presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, oltre a diversi esponenti del settore alimentare e pastario italiano.

«L’investimento che Felicetti ha compiuto è una sintesi di come qui ci sia la voglia di costruire e di fare impresa a favore del territorio, dei suoi abitanti e delle persone che lavorano dentro e fuori il Pastificio – commenta Maurizio Fugatti, Presidente della Provincia autonoma di Trento – Oggi celebriamo una grande famiglia trentina che ha costruito una grande azienda trentina, capace di unire i valori della terra da cui proviene e in cui investe, credendo con forza nelle potenzialità della val di Fiemme e del Trentino».

«Inaugurare questo stabilimento è per me e per tutti noi un momento particolarmente emozionante – spiega Riccardo Felicetti, ad del pastificio – che conferma l’impegno della nostra famiglia nel proseguire l’attività imprenditoriale in un territorio e in una comunità in cui ci riconosciamo».

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Un commento su “Inaugurato il nuovo stabilimento Felicetti”

  1. Avrei trovato rispettoso, che oltre a citare i nomi dei politici onnipresenti, fosse anche citato il nome del signore anziano che partecipa al taglio del nastro e che presumo essere il capostipite della famiglia Felicetti. Ricordo al cronista, che sono gli imprenditori come Felicetti che creano i posti di lavoro, mentre i politici lo creano solo per se stessi…quando va bene.
    Gianfranco Defrancesco

    Rispondi

Lascia un commento