L’appello delle Amministrazioni al rispetto delle regole

La Val di Fiemme è una macchia arancione sulla mappa della diffusione del contagio in Trentino. Ecco allora che le Amministrazioni della valle hanno condiviso poco fa un appello al rispetto delle regole. Questo il testo del comunicato, firmato dal Commissario della Comunità Territoriale della Val di Fiemme Giovanni Zanon e dalla presidente della Conferenza dei sindaci di Fiemme Maria Bosin. 

Cari concittadini, cari valligiani,
In questo delicato momento del nostro vivere comune e della nostra economia, senza nessun allarme, ma con fermezza, le Amministrazioni della Valle di Fiemme intendono lanciare un appello a tutta la cittadinanza affinché si prosegua con senso di responsabilità nell’osservanza delle regole. Dobbiamo farlo per la nostra sicurezza e per quella degli altri, ma anche per rispetto dei tanti operatori sanitari, che da oltre un anno si sacrificano per il bene comune, e per la tanta sofferenza personale che questa pandemia ha provocato.
Si avvicina l’inizio di una nuova stagione turistica, che auspichiamo torni a dare lavoro a tante nostre famiglie; il rispetto delle regole, l’uso delle mascherine, il distanziamento e soprattutto l’adesione convinta alla campagna vaccinale, sono le uniche misure in grado di tornare a far rivivere appieno la nostra valle. Siamo certi che sapremo proseguire in questo compito di grande solidarietà reciproca, come da sempre sa fare la gente di Fiemme.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

2 commenti su “L’appello delle Amministrazioni al rispetto delle regole”

  1. Vogliamo uscire da questa pandemia? Dobbiamo dimostrare la nostra maturità e senso di responsabilità e di cittadinanza attiva nel rispetto delle regole, nella solidarietà reciproca rispettando la dignità di ogni persona e garantendo un bene comune a tutti aderendo con convinzione alla campagna vaccinale.

    Rispondi
  2. Finalmente anche i nostri politici se ne sono accorti. Nei mesi passati si è lasciato correre a tante situazioni (feste abusive, inaugurazioni evitabili, e tanto altro) che ci hanno portato ad essere la valle più contagiata attualmente. Purtroppo non tutti capiscono che molte delle nostre famiglie vive sul turismo e sarebbe il caso che per rispetto anche loro, si facessero gli ultimi sacrifici in modo da poter riprendere tutti. Ognuno di noi ha un’amico in difficoltà economica, senza lavoro o altro, cosa che nella nostra valle non era mai successo, pensate a loro quando infrangete le regole. Vacciniamoci tutti in modo da poter uscire definitivamente da questa situazione, nel rispetto comunque del pensiero di ognuno di noi.

    Rispondi

Lascia un commento