L’Arte di Marco Nones ad Ansedonia

Ieri la Trait d’Union Onlus ha  inaugurato l’Installazione Templum per Aquam di Marco Nones accanto al Museo Nazionale Etrusco di Ansedonia (frazione di Orbetello).

Per la 3’ edizione di Toccare l’Arte TD’U ha scelto un sito nuovo, di intatta bellezza quale è la collina di Ansedonia sviluppatasi attorno ai resti archeologici della Città Etrusca di Cosa.

Il Comune di Orbetello ha creduto in questo progetto proposto da Elena Guerri dall’Oro, Presidente della Onlus, rilasciando il Patrocinio del Comune di Orbetello, un contributo economico e il supporto fondamentale del Sindaco, Andrea Casamenti, dell’Assessore alla Cultura Maddalena Ottali e del Senatore Roberto Berardi. Così interviene l’Assessore Ottali: “Come Assessore alla Cultura ho da sempre cercato di valorizzare le tradizioni culturali del nostro territorio ma anche le tracce del nostro importante passato che spesso viene quasi dato per scontato. Associare quindi un’area così importante da un punto di vista archeologico, come Ansedonia, al genio artistico di Marco Nones con la sua straordinaria capacità di creare una simbiosi con l’ambiente naturale in cui si trova a lavorare, è una sfida e un doveroso tributo ad una parte tanto significativa del nostro territorio”

“La ricerca di un artista calibrato per il luogo Ansedonia ha richiesto più del tempo previsto e quando finalmente ho conosciuto Marco Nones ho capito di aver finalmente incontrato l’artista giusto per quel luogo dell’anima” dichiara la Presidente della Onlus.

Marco Nones chiamato a creare un’installazione che si integri sapientemente in quel mondo magico e intatto che Ansedonia rappresenta, è artista di arte ambientale, ideatore e Direttore artistico ormai dal 2010 della Manifestazione internazionale RespirArt a Pampeago in Val di Fiemme (www.respirat.com) creato con Beatrice Calamari.

Dal primo incontro, la Trait d’Union Onlus desiderava portare l’opera di Nones in Toscana, nella provincia di Grosseto, territorio meno blasonato e ricco di altri, ma altrettanto interessante e pieno di meraviglie da valorizzare.

Templum per Aquam è rappresentato da una fontana costituita di due conche coniche in metallo corten, abbracciata da due semicerchi di pali di castagno trattati a cera e a carbone, rappresenta il primo monumento di cui Ansedonia si dota, riconoscendo quel rispetto ambientale che il proprio territorio merita e che le opere di Marco Nones incarnano. Sentiamo di poter dire che le esigenze del nostro tempo e la nobiltà della collina etrusca con questa installazione siano rispettate.

L’intento della Trait d’Union Onlus è ancora una volta raggiunto: intercettare con questa installazione la attenzione del pubblico verso l’arte e la cultura, andando incontro ad esso, sia in una piazza, in un palazzo pubblico o istituzionale, in una agorà di vario tipo, nella macchia mediterranea come in questo caso, non rimanendo nel chiuso di un museo.

Gli imprenditori del territorio si sono subito resi disponibili a collaborare: tra gli Sponsor vi è infatti La Capannuccia, Aqua Light, Ristorante Vinicio e Pitorsino Vivaio.

Vale riportare a conclusione quanto scritto da Philippe Daverio su Nones: “Vi è nel suo lavoro un sottile senso di sfida alle leggi della futilità umana. Vi è voglia di tornare alla dimensione sciamanica in cui l’intervento umano non si sentiva ancora separato da quello divino, che altro non era che questa dimensione misteriosa e insondabile della natura e in questo impegno vi è la densità del rito che discende dal mito”.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento