Le grigliate “social” di Alfio Ghezzi e Rizzoli

Sul numero di maggio dell’Avisio abbiamo raccontato la collaborazione tra lo chef stellato Alfio Ghezzi e l’azienda di cucine a legna Rizzoli, che vede come testimonial dell’operazione la campionessa Dorothea Wierer.

Alle volte, grazie a necessità inaspettate, nascono soluzioni che poi possono diventare grandi successi. E’ quello che è accaduto tra i fornelli del raffinato ristorante Senso al Mart di Rovereto, dove Alfio Ghezzi, neo stellato Michelin, aveva l’esigenza di offrire ai suoi commensali e ospiti un sistema di cottura alla griglia da poter utilizzare direttamente al tavolo per ultimare le cotture.

Uno strumento che permettesse allo chef di preservare inalterate le caratteristiche organolettiche delle pietanze quali porzioni di carne, verdura o pesce.

Un modo nuovo di servire a tavola, divertente, creativo, unico e al passo con i tempi.

Così Alfio si è rivolto a coloro che di fuoco se ne intendono da oltre un secolo: Rizzoli. L’azienda della famiglia omonima, nata e cresciuta storicamente in Val di Fiemme e che da diversi anni ha trasferito tutti i suoi reparti a San Lugano (BZ) appena dopo il confine con l’Alto Adige, ha colto da subito la sfida.

Dopo vari studi di fattibilità, una ricerca di mercato focalizzata e una serie di prototipi testati in ogni situazione con la supervisione di Alfio Ghezzi, è nato AG Grill, un prodotto portatile dal peso contenuto, costruito con materiali di pregio come l’acciaio speciale, la pietra refrattaria certificata, la griglia cromata e il legno di noce per le pratiche maniglie.

Dal punto di vista pratico il grill ha un tempo di avvio di appena 20-25 minuti. Per l’accensione viene utilizzata la pratica ciminiera (anch’essa in vendita insieme al grill sul sito ufficiale Rizzoli) riempita di carbonella e accesa con cubetti accendifuoco. Una volta pronta, la carbonella viene rovesciata all’interno del grill. La pietra refrattaria di cui è composto, garantisce tre ore di potente calore, sempre costante e senza fiamma diretta. Questo aspetto permette cotture controllate e omogenee.

AG Grill ha la caratteristica di essere un prodotto “social” perchè permette a tutti i commensali di cucinare in compagnia senza che nessuno si isoli per grigliare, come succede con barbecue e prodotti similari.

Il piccolo grill di Rizzoli (47 cm di larghezza per 20 cm di profondità) può essere piazzato in mezzo alla tavolata ed è l’ideale per la cottura “in diretta” di spiedini, piccole porzioni di carne, verdure, pesce. Durante i pochi minuti di cottura delle pietanze dovute alle ridotte dimensioni, i commensali possono colloquiare e divertirsi come nelle migliori feste.

Ma torniamo alla nascita del grill. Una volta definito tecnicamente il prodotto, è partita la produzione all’interno dei reparti Rizzoli. Qui è entrata in campo l’esperienza di un’azienda che ha saputo negli anni trovare il perfetto equilibrio tra alta tecnologia robotica e alta maestria artigianale. Anche AG grill si è avvalso di questi due fondamentali aspetti che garantiscono qualità e durata nel tempo.

Alfio Ghezzi è stato il primo a testare il grill sul campo, sia nel ristorante presso il Mart che nel nuovissimo ristorante presso l’Hotel 5 stelle lusso EALA sul lago di Garda, decretandone il “successo immediato”, tanto che gli chef amici di Alfio tra cui Andrea Berton e Carlo Cracco, ne hanno subito richiesti diversi pezzi.

Nel frattempo si muovevano gli uomini marketing di Rizzoli: veniva studiata una campagna pubblicitaria cartacea e social, seguita da uno spot TV nel quale veniva coinvolta Dorothea Wierer, storica testimonial Rizzoli. Presso la casa sul lago di Garda della campionessa di biathlon e alla presenza di suo marito Stefano Corradini, alcune comparse, Chef Ghezzi e dell’entourage Rizzoli, si sono girate le scene dello spot che è ora visibile online.

Il boom di vendite è arrivato poche settimane più tardi, anche grazie a Dorothea Wierer, la quale ha voluto festeggiare il finale di stagione agonistica 2020-21 con un bel “grill-nic” sulle nevi primaverili del Passo San Pellegrino in compagnia di suo marito Stefano. Il tam tam social di Dorothea (che ha oltre 600 mila follower su Instagram) ha fatto il resto con decine e decine di ordini che sono piovuti in Rizzoli da tutto il mondo: Estonia, Svezia, Austria, Germania, Francia, Islanda, Regno Unito, Colorado, sono solo alcuni dei paesi in cui AG grill è stato recentemente spedito, oltre a tutti gli ordini arrivati dall’Italia.

In un momento difficile per la ristorazione come questo, dove mangiare all’aperto è l’unico sistema per tornare a frequentare i ristoranti, AG Grill si è tramutato in un’ottimo modo per ricominciare.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento