Le opere di Rinaldo Cigolla a Palazzo Trentini

Venerdì pomeriggio a palazzo Trentini è stata inaugurata la mostra di sculture e disegni di Rinaldo Reinhold Cigolla (1934 – 2020), uno dei grandi nomi dell’arte ladina. Cantore, colto e raffinato, dell’anima della ladinità, della sua storia, dell’antropologia che ha caratterizzato la Valle di Fassa e le vallate dolomitiche. Opere di grande forza espressiva, quelle esposte, che denotano anche la cultura artistica di Cigolla che si è formata, tra il 1948 e il 1954 sotto la guida del prof. Cirillo Dell’Antonio “Bora”, in quella grande fucina di talenti che è la Scuola d’Arte di Moena e poi nello studio della grande scultura italiana da Michelangelo a Canova fino a Medardo Rosso.

Tecnica e abilità scultorea di altissimo livello che Cigolla ha espresso nel racconto dei miti dolomitici, nello scatto istintivo degli animali, nella forza dei corpi snelli e muscolosi della gente di montagna, nei lavori dei campi che caratterizzavano la valle di Fassa e che Rinaldo ha visto nella sua fanciullezza e gioventù.

Fassa Coop

Poi c’è il capitolo dello sport, le sculture dedicate allo sci, all’altra sua grande passione: la neve. In gioventù campione di sci (fece parte del Gruppo sportivo della Polizia); allenatore e animatore delle Fiamme Oro di Moena; maestro di sci e padre di Igor e Anastasia, tutti e due ex azzurri. L’opera di un uomo, ha ricordato Anastasia, che è stata difesa della Heimat ma anche apertura al mondo. “Ci diceva – ha affermato – di coltivare la nostra lingua, il ladino, ma anche di imparare l’inglese che è la lingua del mondo”.

La mostra è aperta a Palazzo Trentini, Trento via Manci 27 fino al 26 novembre 2022. Orario dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 18, 30 il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

Immobiliare Scorpion
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email