Marcialonga fa 50

7 febbraio 1971. Una data storica per le valli di Fiemme e Fassa, quel giorno attraversate dalla prima edizione della Marcialonga. Di acqua sotto i ponti – verrebbe da dire di neve sulle piste – da allora ne è passata tanta. La granfondo si è pure triplicata, con le sue versioni running e cycling.

I più veloci a fare di conto, avranno già notato che il 2021 sarà quindi un anno importante per Marcialonga: si festeggeranno, infatti, i 50 anni del Comitato Organizzatore. Badate bene, questo anniversario non coincide con le 50 edizioni dell’evento invernale (che si festeggeranno, salvo imprevisti, nel 2023).

Mezzo secolo di vita di Marcialonga non poteva di certo passare sotto silenzio. Sono, infatti, in programma una serie di iniziative per celebrare il mezzo secolo di vita. A partire dal logo commemorativo del compleanno, presentato nelle scorse settimane. Elaborato da Manuel Bottazzo Design, ricorda le due date (1971-2021) che rappresentano il percorso fin qui svolto. Centrale naturalmente il numero 50 in azzurro (come la Nazionale italiana), blu (come la Marcialonga di fondo), rosso (Marcialonga Craft, ciclismo) e verde (Marcialonga Coop, corsa).

Un logo che dà il via a una campagna di eventi e iniziative dedicate al cinquantesimo, con uno sguardo al futuro (in primis al 31 gennaio, giorno previsto per la granfondo di sci), ma anche al passato, a quella storia di Marcialonga che è, a tutti gli effetti, anche la storia di Fiemme e Fassa.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento