Meno 5: i 3 tempi del Filmfestival montagne e culture di Trento

“Il Trento Film Festival non si arrende e procede con la programmazione trovando nuove soluzioni e linguaggi per affrontare il secondo anno di pandemia e mantenere vivo il rapporto con il suo straordinario pubblico. Lo fa con responsabilità e flessibilità, dando a questa 69. edizione un nuovo assetto, per adattarci ad una situazione incerta e in continua evoluzione. Quello di quest’anno sarà dunque un Festival in più tempi.”
Lo hanno ricordato nella presentazione della 69° edizione il presidente Mauro Leveghi e la direttrice Laura Bisesti.
Il primo tempo
è diviso in due parti, o meglio ha una doppia identità: la prima è lo streaming che inizierà venerdì 30 aprile. Ogni giorno ci saranno nuovi film disponibili (ma solo in Italia). Per accedere si può acquistare il conveniente Onlinepass o noleggiare i singoli film. Le proiezioni in streaming proseguiranno fino al 16 maggio. Seguite bene le istruzioni sul sito poiché gli accessi sono limitati a 500, quindi potreste trovare la “sala piena” e il tutto esaurito anche online.
La seconda identità, ovvero le proiezioni dal vivo nella multisala del cinema Modena di Trento, che inizia sabato 1 maggio fino a domenica 9, è stata definita recentemente dopo l’annunciata riapertura dei cinema e il ritorno del Trentino in zona gialla. Un’occasione per poter nuovamente assaporare la magia di entrare in sala e il fascino del grande schermo.
Per tutta la settimana si potranno inoltre seguire sui canali social e sul sito del Filmfestival i numerosi appuntamenti e le serate evento affascinanti e inedite.
il secondo tempo
Sarà auspicabilmente in presenza, dal 9 al 13 giugno, nelle piazze di Trento e a teatro, con eventi molto attesi e il ritorno di MontagnaLibri, in collaborazione con il Comune di Trento e tanti altri partner.
Il terzo tempo sarà quello estivo e sarà “proiettato” nelle valli trentine, in collaborazione con le APT, nei luoghi di un turismo che si auspica possa ripartire rinnovato, ma a pieno regime. Sarà un’occasione da cogliere anche per le nostre valli dove esperienze di collaborazione col Filmfestival ce ne sono state, ma spesso fugaci e frammentarie. L’ultima in piazza a Predazzo grazie al Museo geologico e con tutte le precauzioni della scorsa estate.
Nei prossimi appuntamenti con questa rubrica vi accompagneremo in questo viaggio dentro il festival, e le sezioni del programma cinematografico, in particolare la sezione “Orizzonti vicini” che offre alcune proposte che riguardano direttamente le valli dell’Avisio.

Francesco Morandini

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento