Minoranze: finanziato un progetto della Scola ladina

Fassa Coop

Con un provvedimento approvato oggi dalla Giunta provinciale sono stati concessi contributi, per una quota complessiva di 79.773,50 euro del Fondo per la promozione delle Minoranze linguistiche, a sette proposte pervenute da istituti scolastici e culturali – al Servizio Minoranze linguistiche locali e audit europeo.
“I progetti ammessi a finanziamento hanno per obiettivo la maggiore conoscenza e valorizzazione dell’uso scritto e orale delle lingue di Minoranza e puntano a promuovere e diffondere quanto più possibile queste lingue, che rappresentano un patrimonio culturale e identitario del Trentino”, ha precisato il presidente Fugatti.

In particolare, per quanto riguarda le minoranze ladine di Fassa, è stato finanziato il progetto formativo destinato a tutti coloro che desiderano parlare, leggere e scrivere in lingua ladina, anche in vista di sostenere gli esami di accertamento della conoscenza della lingua ladina.

Questi gli altri progetti finanziati.
– “Summer club 2023″, un progetto dell”Istituto culturale mòcheno-Bersntoler Kulturinstitut che ha l’obiettivo di favorire l’utilizzo della lingua mòchena tra bambini e ragazzi attraverso attività ricreative nel periodo estivo. Punto di forza del progetto, la conoscenza degli aspetti della cultura locale attraverso la lingua autoctona.
– “Comunicazione veicolare in lingua mòchena nella scuola dell’infanzia di Fierozzo”, rivolto dall’Istituto culturale mòcheno-Bersntoler Kulturinstitut ai bambini della comunità mòchena per favorire l’uso della lingua di minoranza nelle diverse attività scolastiche. Il progetto prevede l’inserimento di una figura di lingua madre mòchena d’appoggio alle maestre per ampliare l’esposizione alla lingua locale ad almeno quattro ore al giorno.
– “La Val dei Mòcheni tra gioco e realtà”, presentato dall’IC Pergine 1, che impiega strategie specifiche per l’insegnamento della lingua di Minoranza, con particolare attenzione al coinvolgimento delle famiglie degli alunni e della comunità. Tra le proposte, l’attivazione di tre corsi di mòcheno per adulti.
– “Alla scoperta delle lingue e del territorio delle Minoranze linguistiche” (IC Folgaria-Lavarone-Luserna), inserito in un più ampio progetto di valorizzazione e tutela della lingua e cultura cimbra, con un sostegno nella formazione degli alunni e in continuità con nido e scuola dell’infanzia di Luserna.
– Progetto continuità “Khlummane lustege tritt”- anno solare 2023”, presentato dal Kulturinstitut Lusérn/Istituto Cimbro, che si prefigge come obiettivo l’introduzione alla comprensione della lingua cimbra da parte di tutti i bambini che frequentano la scuola dell’infanzia di Luserna/Lusérn. In concreto il progetto propone la compresenza della mediatrice culturale con il personale insegnante titolare della locale scuola dell’infanzia e del progetto continuità, rivolto ai bambini di età compresa tra i tre mesi e i tre anni.
– “Diario scolastico 2023/2024” (Kulturinstitut Lusérn/Istituto Cimbro), un importante strumento di comunicazione ed informazione per le famiglie con figli in età scolare. Il diario, già distribuito gratuitamente nel 2022, verrà arricchito di nuovi temi e sarà bilingue cimbro-tedesco, proponendosi come testo di comparazione linguistica.

Immobiliare Scorpion
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email