Natale sugli sci: sì, no, forse

Andrea Weiss è da 25 il direttore dell’APT della valle di Fassa. In attesa della pensione, che è prevista per fine primavera, si trova a fronteggiare questa che è certamente la sfida più difficile della sua lunga carriera di dirigente turistico.

Andrea, gli impianti di Fassa saranno aperti per Natale?

Io rappresento la comunità turistica, perciò penso che non aprire gli impianti possa essere un disastro. Capisco anche che il governo si trovi a dover prendere una decisione molto difficile. Da cittadino la situazione mi porta a ritenere che dobbiamo assolutamente tutelare la salute delle persone, prima di tutto noi e i nostri cari.

Gli operatori del turismo come vivono questo momento così delicato?

Ci sono aziende che hanno investito tanto, che non hanno una grande capitalizzazione e che rischiano di trovarsi sicuramente in grande difficoltà. Noi APT siamo espressione degli operatori. Abbiamo fatto una cooperativa nella quale siamo 1080. Gran parte di noi vivono di turismo, anche di tanto turismo estero.

Il modello di turismo di massa non si sta dimostrato estremamente fragile?

Mi viene da dire che questo sistema ha comunque garantito un interesse economico per le nostre valli. Noi, ora, dobbiamo pensare a cosa possiamo offrire ai nostri ospiti in maniera da incentivarli nel caso in cui ci fosse agibilità di movimento.

Si ripete che lo sci in sé non è pericoloso, ma che lo è tutto quello che ci sta attorno: la “movida” delle terrazze, gli impianti, i rifugi, le code ecc.

I protocolli degli impianti sono stringenti e garantiscono la sicurezza. Certamente quella “movida” come a Milano sui Navigli è un modello che non possiamo permetterci e che nessuno vuole riproporre.

Gli impiantisti a cosa stanno pensando per superare questo momento così delicato?

Si sono riuniti ieri sera. Sono ovviamente molto dispiaciuti della piega che sta prendendo la vicenda, ma sono consapevoli che le decisioni sono passate ad altri.

Gli stranieri come pensi che si comporteranno?

I flussi di gennaio penso che ce li siamo già in parte giocati. Speriamo nel proseguo della stagione, ovvero nei mesi di febbraio e marzo.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento