Noel cerca il tris 

Sono numerosi i motivi di interesse per la ventesima edizione dello slalom speciale di Coppa Europa della Val di Fassa, in programma venerdì 16 dicembre sul pendio dello Skistadium Aloch, con in palio l’11° Memorial Elke Pastore.


A partire dal francese Clement Noel, dominatore delle ultime due sfide e intenzionato ad avvicinare lo svedese Mattias Hargin, l’unico sciatore che ha vinto quattro volte a San Giovanni di Fassa e a staccare nell’albo d’oro lo svedese Jens Byggmark e l’austriaco Manfred Pranger, fermi a quota due successi.

C’è poi la pattuglia di sciatori italiani vogliosi di lasciare il segno in una gara dove il tricolore è sventolato solo in due occasioni, nel 2018 con Stefano Gross e nel 2020 con Tommaso Sala. Su tutti il gardenese Alex Vinatzer più che mai determinato per lasciare il segno in questo inizio stagione difficile, ed ancora proprio l’atleta di casa Stefano Gross e l’intramontabile Giuliano Razzoli che pare aver risolto il problema alla schiena, e il lecchese Tommaso Sala che è in ottima forma.

Non possiamo dimenticare poi il badiota Tobias Kastlunger, reduce da uno straordinario decimo posto in rimonta nello slalom di Coppa del Mondo della Val d’Isere e nuovamente in gara sulla pista che gli regalò un medaglia ai mondiali junior del 2019.

Poi c’è l’aspetto affettivo, con i due atleti trentini Federico Liberatore che vuole tornare il prima possibile nello sci che conta e vuol fare una prestazione di livello davanti al pubblico di casa, quindi il fiemmese Davide Seppi che ha come obiettivo quello di scalare il ranking.


Fra i 120 iscritti in rappresentanza di 26 nazioni non mancano poi gli outsider come il bulgaro Albert Popov, undicesimo in Val d’Isere, l’inglese Benjamin Ritchie e il croato Samuel Kolega e i giovani austriaci, francesi e svizzeri sempre pronti a stupire.


Un evento dunque da non lasciarsi sfuggire e da vivere in prima persona nel parterre della pista Aloch, oppure seguendo la diretta streaming di entrambe le manche sul canale www.sportcultura.tv con il commento tecnico dell’ex azzurra e vincitrice dello slalom di Coppa del Mondo di Lienz 2007 Chiara Costazza.

Il programma prevede la prima manche alle ore 10, la seconda alle ore 13.
Gli organizzatori dello Ski Team Fassa hanno lavorato incessantemente in questi giorni barrando in maniera puntigliosa il pendio della pista Aloch, che ha ospitato anche le Universiadi del 2013 e i campionati mondiali junior nel 2019, e che ha una lunghezza di 982 metri e un dislivello di 208 metri, con partenza a quota 1690 e arrivo a 1330 metri e con una pendenza massima del 49%.

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento