Nonostante tutto sarà un inverno di grandi eventi

Se la stagione turistica invernale è ancora in bilico, in attesa delle disposizioni del Governo e delle decisioni dei singoli consorzi sciistici (vedi la presa di posizione delle Funivie Saslong di Selva Val Gardena), è invece ormai definito il calendario degli eventi sportivi internazionali ospitati dal Trentino.

Dopo le gare di Coppa Europa dei giorni scorsi in Val di Fassa, a Madonna di Campiglio si sta lavorando alacremente per mettere a punto gli ultimi dettagli dello slalom di Coppa del Mondo sulla 3Tre, in programma domani, martedì 22 dicembre. L’attenzione mediatica e degli appassionati si sposterà nella seconda settimana del 2021 in Val di Fiemme, dove dall’8 al 10 gennaio si terranno le gare conclusive del FIS Tour de Ski. Al Centro del fondo a Lago di Tesero sono in programma due mass start a tecnica classica di 10 e 15 km nella prima giornata, la sprint in tecnica classica al sabato e la mitica “final climb” sull’impressionante rampa della pista Olimpia sull’Alpe Cermis nella giornata conclusiva. Sempre in Val di Fiemme, dal 15 al 17 gennaio i riflettori si accenderanno sulla Coppa del Mondo di Combinata Nordica e Salto Speciale. La coppa Europa di sci alpino sarà nuovamente in Trentino dal 22 al 23 gennaio sulle piste dell’Alpe Cimbra, per due prove di slalom gigante maschile. Il 31 gennaio è confermata la Marcialonga.

A fine febbraio avrà poi luogo l’atteso debutto della Val di Fassa nel circuito della Coppa del Mondo di sci alpino: il 27 e 28 febbraio sulla pista La Volata nella skiarea di Passo San Pellegrino sono in programma due gare veloci della Coppa del mondo femminile, un superG e una discesa libera come recupero delle prove annullate a dicembre in Cina.

Il Trentino si prepara dunque ad offrire emozioni e momenti di grande sport a milioni di appassionati collegati da tutto il mondo, dal momento che le gare non prevedono la presenza di pubblico. I comitati organizzatori sono da tempo al lavoro per garantire lo svolgimento di queste importanti e complesse manifestazioni nel pieno rispetto delle disposizioni sanitarie in vigore, a cui si aggiungono i protocolli delle federazioni sportive a garanzia della salute degli atleti e di quanti presenzieranno agli eventi, a cominciare dalle decine di volontari coinvolti nei ruoli più diversi.

Foto: Newspower

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento