Parola d’ordine, resilienza

È un invito a tener duro, a non perdere di vista quelli che sono gli obiettivi, educativi ancor prima che agonistici, delle associazioni che si occupano di attività sportiva giovanile quello lanciato dal presidente della ASD Dolomitica Nuoto CTT. Alberto Bucci in questi giorni di incertezza per il futuro, in cui ogni giorno potrebbe essere l’ultimo concesso per gli allenamenti, ribadisce quelli che sono i valori fondanti del DoloTeam come di tante altre associazioni del territorio. “Il lavoro e l’impegno delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche nella formazione dei ragazzi è cardine di tutti i successi dello sport italiano nel mondo. Gli atleti di alto livello provengono dall’attività giovanile fatta con le associazioni sportive e a queste devono l’avvio allo sport in tenera età.  Gli atleti di alto livello sono esempi positivi ai quali i piccoli atleti guardano, impegnandosi per emularli. Sono mondi sportivi interdipendenti, legati indissolubilmente da un rapporto di reciprocità. Fermarci ora significherebbe rinunciare ad educare nello sport, rinunciare a far crescere nell’aggregazione i nostri figli. Fermarci significherebbe perdere potenzialità e deludere una generazione di giovani atleti impegnati. Per questo a mio avviso la parola d’ordine delle associazioni sportive dilettantistiche che lavorano per l’attività giovanile è ora più che mai resilienza”.

Resilienza che la Dolomitica Nuoto sta dimostrando di avere. “In piscina a Predazzo stiamo continuando, naturalmente nel rispetto delle regole, con gli allenamenti. Lo facciamo con grandi sacrifici, ma con il sorriso di chi sa che sta portando avanti un’attività bellissima, lo sport”.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento