Per Leso una stagione… SottoZero

Matteo Leso entra a far parte del Gold Team SottoZero Trentino Zorzi Max, la squadra che partecipa al circuito internazionale lunghe distanze di sci nordico VISMA Ski Classics e alle principali granfondo dell’arco alpino. Ne fanno parte i migliori interpreti italiani della disciplina, come Mauro Brigadoi e Francesco Ferrari.

L’atleta di Predazzo, cresciuto con i colori gialloverdi della US Dolomitica, vincitore di due Marcialonga Young (nel 2019 e 2020), dopo un anno come aggregato delle Fiamme Oro, ha abbandonato l’aspirazione di entrare ufficialmente in Polizia per inseguire sogni diversi.

Indossati i primi sci a soli 3 anni, fino ad oggi è riuscito a conciliare allenamenti e gare con ottimi risultati anche a livello scolastico. Ma per tutti arriva il momento in cui è necessario scegliere. E Matteo ha deciso di dare la priorità all’università per terminare la facoltà di Economia e Management. “Lo sci è una passione che porta via molto tempo. Non era possibile stare al passo con gli esami e allo stesso tempo allenarmi per ottenere i risultati necessari per diventare a tutti gli effetti un atleta delle Fiamme Oro. Ho scelto la strada dello studio, senza rimpianti né rammarico, ma con la consapevolezza di sapere cosa voglio dalla mia vita”.

Matteo non ha però nessuna intenzione di appendere gli sci a un chiodo: “Continuerò a gareggiare con il Gold Team SottoZero nel circuito VISMA Ski Classics, che mi permette di seguire la mia passione ad alti livelli ma sempre come amatore”.

Per il fondista fiemmese questo è anche un modo per continuare a regalarsi quelle emozioni indimenticabili che si provano nel tagliare un traguardo. “Se mi guardo indietro, ricordo in particolare due momenti. Nel 2016, ultimo anno con i colori della Dolomitica, quando con Matteo Ferrari e Ivan Mariani siamo arrivati secondi ai Campionati italiani di staffetta. A livello di gare individuali, le vittorie alla Marcialonga Young rimangono impagabili: l’arrivo a Cavalese, proprio lì dove trionfano i campioni, è stato davvero emozionante”. Il legame con Marcialonga è sancito anche dalla borsa di studio ricevuta dal Comitato organizzatore per essersi impegnato con profitto nello studio e nello sport

In questa fase di passaggio, Matteo Leso ringrazia quanti gli sono stati vicini nel suo percorso sportivo: Stefano Vuerich, che da anni lo segue per la preparazione di sci e materiali; Stefano Corradini e il suo staff del Comitato Trentino; Luca Demanicor, Fausto Bordiga, Marco Cattaneo e Claudio Zanetel delle Fiamme Oro; Michele Pasqualotto e Mirko Filippi del Team SottoZero.

Il primo appuntamento agonistico della stagione è per il 27 novembre a Livigno con la prima gara del circuito VISMA. A gennaio Matteo sarà poi nuovamente alla partenza della Marcialonga, questa volta versione light con arrivo a Predazzo.

Tra una lezione e un esame, il tempo per allenarsi – sciando, correndo o con gli skiroll – e per gareggiare Leso lo riesce comunque a trovare. Perché cambiano le priorità, ma le passioni – quelle vere – rimangono.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento