Scuola e sport vanno a braccetto

Consentire agli studenti agonisti di raggiungere i migliori obiettivi scolastici e sportivi durante i cinque anni del corso di studi: è questo l’obiettivo del Progetto Scuola-Sport, rinnovato anche per quest’anno dall’Istituto d’Istruzione “La Rosa Bianca – Weisse Rose” di Cavalese e Predazzo.

Era stata proprio la sede predazzana, oltre 20 anni fa, ad adottarlo per prima, condividendolo poi anche con Cavalese. L’idea alla base del progetto è quella di permettere di conciliare la passione per lo sport e l’apprendimento scolastico, senza dover trascurare nessun aspetto. Nell’anno scolastico 2021/22 gli studenti sportivi fortemente impegnati iscritti nella sede di Predazzo sono 38, mentre a Cavalese 27.

Sono in totale 24 (17 a Predazzo e 7 a Cavalese) gli studenti tutorati dal Progetto Scuola-Sport della Provincia di Trento. I docenti referenti sono Federico Zazzeroni per Predazzo e Leonardo Gaggiano per Cavalese, coadiuvati dagli altri docenti di scienze motorie e sportive.

Il progetto prevede la possibilità per lo studente atleta, che a causa di impegni sportivi e conseguenti assenze non abbia potuto seguire adeguatamente il programma in una o più materie, di chiedere il sostegno mediante uno sportello, anche individuale e in DAD, in cui il docente ripassi le unità didattiche così da consentire all’alunno di riprendere proficuamente il percorso di pari passo con i compagni.

Il Consiglio di classe, attraverso il docente coordinatore e il tutor nominato dalla scuola per ogni studente, monitora costantemente la preparazione curricolare, in modo da permettere allo sportivo di ottenere risultati di eccellenza anche in ambito scolastico.

Per raggiungere questo obiettivo, è consentita una maggiore flessibilità sia nell’affrontare la periodizzazione delle verifiche che nel programma didattico per quanto riguarda la possibilità di recupero dei contenuti: per esempio, per facilitare la conciliazione, allo studente è consentita la possibilità, concordandolo con il docente, di anticipare le verifiche scritte e orali, in base agli impegni sportivi.

Inoltre, non possono essere fissate verifiche, interrogazioni o test il giorno successivo ad assenze di più giorni giustificate per motivi sportivi documentati, ad eccezione di verifiche concordate con gli alunni interessati. Per gli alunni inseriti in squadre nazionali assolute o relative categorie giovanili o facenti parti di realtà di natura professionistica, è prevista inoltre l’attivazione di un Piano didattico personalizzato.

È prevista anche una deroga al superamento delle ore di assenza per la validazione dell’anno scolastico, nel caso tali assenze siano motivate da impegni agonistici. Alla fine dell’anno, comunque, lo studente sportivo dovrà dimostrare di avere la stessa preparazione dei compagni e sarà valutato alla pari.

Naturalmente gli studenti iscritti al Progetto Scuola-Sport dovranno rispettare alcune regole (relative ai provvedimenti disciplinari, al rispetto del codice etico del CONI, alla veridicità delle dichiarazioni sportive presentate e ai requisiti di merito previsti dal regolamento scolastico), pena l’esclusione dal progetto. Scuola e sport possono quindi andare a braccetto: costanza e impegno premiano sui campi da gioco (o le piste da sci) e anche in pagella.

Ulteriori informazioni sul sito dell’Istituto d’istruzione, dove è disponibile anche un video dedicato al progetto.

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento