Se èrt e economia se scontrassa

“Se arte e economia si incontrassero” è il titolo dell’iniziativa che il Museo ladino intende intraprendere per valorizzare gli artisti fassani attraverso l’economia. Il lancio del progetto avrà luogo il 16 ottobre, presso l’osteria-birrificio Rampeèr, a Campitello di Fassa, durante l’inaugurazione alla rovescia della mostra “N scrign o na fior”.

Attraverso un inusuale connubio fra arte locale e strutture economiche il Museo intende lanciare il progetto più ampio di coinvolgimento del territorio nella valorizzazione dell’arte in modo sinergico e originale, aprendo un dibattito identitario e culturale con la sua gente.

Sarà incoraggiato il confronto fra artisti e operatori economici, per progettare insieme al Museo ladino le mostre del futuro.

I locali pubblici – bar, ristoranti, negozi, impianti di risalita, possono candidarsi per trasformarsi in sede staccata del Museo, offrendo i loro spazi per esporre le opere di un artista fassano. L’obiettivo è di valorizzare l’identità del luogo, affinché, scrivono “noi fassani, per primi, siamo consapevoli e fieri della nostra ladinità e dei talenti della nostra terra”.

Per partecipare all’iniziativa tutti gli operatori economici sono invitati a presenziare direttamente all’evento del 16 ottobre presso l’osteria birrificio Rampeèr, a Campitello di Fassa; è gradita la prenotazione telefonando o inviando un messaggio whatsapp all’Istituto culturale ladino al numero di telefono 0462/764267 entro il 12 ottobre.

Per ulteriori informazioni chiamare l’Istituto ladino allo stesso numero 0462/764267.

Scarica QUI il bando di partecipazione.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento