Sofia salta gli ostacoli fino al titolo italiano

Quale miglior regalo di compleanno per un’atleta di 17 anni che un primo inaspettato posto ai Campionati Italiani Allievi? Sofia Trettel nella medaglia ci credeva, ma non aveva osato sperare in quell’oro che invece è riuscita a mettersi al collo nei 400 ostacoli a Rieti il 10 luglio, proprio nel giorno del suo compleanno. Per lei anche il record trentino U18 , con 1’01″20. 

Sofia, che oggi gareggia per l’US Quercia di Rovereto, ha iniziato a praticare atletica a 7 anni, nell’USD Cermis, prima con il mezzofondo, poi passando alla velocità. È stato il suo allenatore, Giampiero Guerrini, a proporle lo scorso anno di provare la corsa con ostacoli, disciplina nella quale la giovane atleta di Masi ha subito dimostrato tecnica e capacità. “Servono velocità e resistenza, e di conseguenza un allenamento differenziato e completo”, spiega Trettel.

Sofia frequenta il Liceo Scientifico “La Rosa Bianca” a Cavalese. A settembre inizierà la quarta: “Impegnarsi con la scuola e allo stesso tempo perseguire risultati agonistici è tutt’altro che semplice”, racconta. Ma Sofia gli ostacoli si allena a superarli, a lasciarseli alle spalle. Letteralmente e anche metaforicamente.

L’ultimo anno e mezzo non è stato facile. Avevamo già raccontato (leggi qui) la tenacia di Sofia durante il lockdown 2020, quando non ha ceduto alla tentazione della pigrizia, ma ha continuato ad allenarsi nel giardino di casa, ripetendo all’infinito gli stessi 100 metri. Anche quest’anno, rinchiusa per la positività al Covid (fortunatamente in forma leggera), appena se l’è sentita ha ripreso a correre e saltare ostacoli improvvisati davanti a casa per non perdere l’allenamento in vista degli importanti appuntamenti estivi che l’attendevano. E la sua determinazione è stata premiata con quell’oro agli italiani che l’ha ripagata di tanta fatica e le ha dato nuova carica per il futuro.

I suoi prossimi obiettivi sono già internazionali. Sofia si è classificata per gli Europei U18, che però sono saltati causa Covid, e ora lavora per ottenere il tempo minimo per accedere agli Europei U20 che si terranno nel 2023. Nel frattempo guarda alle gare più vicine, quelle di fine estate: i Campionati Italiani di Società Assoluti e Allievi e il Brixia Meeting.

Henry Ford diceva: “Gli ostacoli sono quelle cose spaventose che vedi quando togli gli occhi dalla meta”. Ma per alcuni, come Sofia, gli ostacoli sono semplicemente parte del percorso che porta alla meta.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento