Sognando l’uniforme

Dire Alpini significa dire montagna. E chi meglio di una nostra valligiana può incarnare questo legame tra uomo e montagna? È il caso di Anna Piazzi, teserana, da diversi anni in servizio nell’Esercito Italiano, presso il 6° reggimento alpini. Il suo percorso in ambito militare è iniziato nel 2009 con due anni come volontaria, ma già da bambina sognava la divisa ascoltando i racconti del nonno. In effetti queste radici lontane si riflettono sulla tesi che ha portato Anna alla laurea: la battaglia del monte Nero, combattuta dal 3° reggimento alpini durante la Prima Guerra Mondiale. Anna, infatti, si è laureata in Scienze strategiche, dopo aver frequentato la prestigiosa Accademia Militare di Modena con il 195° corso Impeto e la Scuola di Applicazione dell’Esercito, a Torino, che completa la formazione universitaria e post laurea degli Ufficiali. Ma la sua formazione è ricca e variegata e non è cominciata (né finita) con la laurea: prima il Reggimento Addestramento Volontari ad Ascoli Piceno, poi un periodo al 6° reggimento alpini, per poi approdare a Trento al Comando Militare Esercito – Trentino Alto-Adige. Ma Anna non si è accontentata, ha vinto il concorso come Volontario in Ferma Prefissata quadriennale ed è stata assegnata al 1° reggimento artiglieria da montagna a Fossano (CN). Numerosi sono i corsi di specialità che ha frequentato: sci, arrampicata, ma è anche istruttore di combattimento nei centri abitati. Insomma una donna in perenne movimento, non solo in ambito lavorativo, ma anche personale dal momento che è mamma di un bambino di 4 anni. Il sostegno della famiglia (che non le è mai mancato, nel lavoro come a casa) è importantissimo.

Attualmente Anna è in servizio presso il 6° reggimento alpini di Brunico, città dove vive se non è impegnata in attività operative condotte dalle unità dell’Esercito. Per lei è stata una grande soddisfazione tornare dove tutto è cominciato, ora con il grado di Tenente, anche se il Complesso Minore dell’operazione “Strade Sicure” che è sotto la sua responsabilità è dispiegato a Bolzano e alla frontiera del Brennero. Questa operazione, in corso da 11 anni su tutto il territorio nazionale, vede l’Esercito supportare le Forze dell’Ordine nel mantenimento dell’ordine pubblico. Inoltre, a conferma del loro ruolo strategico quale importante strumento al servizio della collettività, gli uomini e le donne dell’Esercito Italiano sono stati chiamati a fronteggiare l’emergenza sanitaria da COVID-19 e fornire ogni giorno risposte concrete ad una situazione che ha colpito e stravolto le abitudini e lo stile di vita di tutte le famiglie italiane.

Hella - We design cool shadows

Nell’operazione “Strade Sicure”, il Ten. Piazzi, nel suo ruolo di Comandante, si occupa innanzitutto della gestione del personale alle sue dipendenze e di tutte le altre risorse che le sono affidate: definisce l’impiego del personale, ne regola i turni di servizio, si assicura che i suoi alpini assolvano correttamente i compiti che vengono loro affidati e che i mezzi e gli equipaggiamenti siano impiegati in modo appropriato e mantenuti in piena efficienza. Tutto questo mantenendo un contatto costante col comando superiore di Milano, da cui riceve ordini e compiti da assolvere, e con la Questura di Bolzano. Non è stato questo però il suo primo impiego da quando è tornata al suo amato 6° alpini: ha ricoperto l’incarico di vice comandante di una compagnia fucilieri e si è occupata della pianificazione delle attività addestrative del reggimento.

Anna ritiene di aver fatto lo stesso percorso e affrontato le stesse attività addestrative dei colleghi uomini. Non vede differenze. Certo, riconosce che le donne potrebbero incontrare delle difficoltà dovute ad una diversa fisicità: ma questo non porta a nessuna discriminazione. I compiti da assolvere sono uguali per tutti e richiedono a tutti uguale impegno, come in ogni lavoro. Non basta indossare un’uniforme, bisogna capire cosa questo significa. L’attività operativa porta tutti, uomini e donne, a vivere a stretto contatto, anche per periodi prolungati, uniti in uno sforzo corale teso a raggiungere un comune obiettivo: ne deriva un rapporto di fiducia e un forte affiatamento che portano alla creazione di un “gruppo” coeso.  

Cemin Sport

Questa ragazza di 30 anni ne ha fatta di strada da quando, appena sedicenne, vedeva il fratello Claudio indossare l’uniforme e respirava, nei racconti del nonno, la vita di un’organizzazione complessa come l’Esercito la cui appartenenza impone l’accettazione di regole ben precise e l’adozione di uno stile di vita caratterizzato da rigore, forte motivazione, profondo senso di responsabilità e amor di Patria.

Silvia Vinante

Martino Vanzo
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email