Sono tutti “atleti di interesse nazionale”

Da lunedì 30 novembre anche gli atleti delle categorie giovanili e master saranno considerati “di interesse nazionale” dalla Federazione Italiana Sport Invernali.

Il DPCM del 3 novembre ha stabilito che gli impianti nei comprensori sciistici possono essere utilizzati solo dagli atleti professionisti e non professionisti riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal Comitato Italiano Paralimpico e/o dalle rispettive federazioni per permettere lo svolgimento e la preparazione di competizioni sportive nazionali e internazionali. Inizialmente la FISI aveva individuato soltanto alcune categorie e classi di età a cui era concesso allenarsi e gareggiare. Per esempio, per lo sci alpino l’attività era permessa solo a U18, U21, seniores, master A maschile, master D femminile.

“Nei giorni scorsi è, invece, arrivata la decisione della FISI di estendere – come già fatto da altre federazioni – a tutte le categorie giovanili e master la definizione “di interesse nazionale” che di fatto permette a tutti di proseguire con l’attività agonistica e di allenamento. Naturalmente ora tutto dipende dall’apertura o meno degli impianti sciistici, perlomeno ai fini agonistici. Se piste come la Aloch di Pozza di Fassa o il Centro del Fondo di Lago apriranno agli atleti, con questo provvedimento federale potranno tornare ad allenarsi sciatori di ogni età e categoria”, spiega il presidente della US Dolomitica Roberto Brigadoi.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento