Stefen Dell’Antonio Monech vince il Premio Ostana “Scritture in lingua madre”

Nella suggestiva cornice di Ostana, l’insediamento di lingua occitanica situato nella valle Po dirimpetto al Monviso, si è rinnovata durante l’ultimo fine settimana del mese di giugno una manifestazione incentrata sulla diversità linguistica che riunisce scrittrici e scrittori contraddistinti dall’utilizzo di lingue indigene e provenienti dai cinque continenti.

Nella sua storia il Premio ha valorizzato fino ad oggi 88 autori con riferimento a 47 lingue che vengono definite minoritarie, ma che riescono determinanti all’interno di una serie di originalissime esperienze culturali.

L’iniziativa, avviata nel 2008, rientra a pieno titolo nel Decennio Internazionale per le lingue indigene promosso dall’UNESCO per il 2022-2023 ed ha permesso di consolidare nel corso degli anni una fitta rete internazionale di autori e sostenitori della diversità linguistica, offrendo così sguardi e prospettive diverse sul mondo.

Otto le sezioni premiate dal 28 al 30 giugno, cominciando dal Premio speciale assegnato alla scrittrice del Burkina Faso Karama Koumarami, autrice di testi teatrali in lingua dioula nei quali concilia i valori della cultura tradizionale con la presa di coscienza sui temi dell’emancipazione femminile e del terrorismo presente nel proprio paese.

Fassa Coop

Il premio internazionale è stato invece conferito a Firat Ceweri, proveniente dal Kurdistan turco, per l’assidua determinazione manifestata nel promuovere la propria lingua, tuttora osteggiata, con opere tradotte in turco, svedese, persiano, arabo, e italiano. Il premio giovani è andato a Daniel Petrila, di lingua rom, il premio traduzione a Jayde Will con riferimento alla lingua letgalla, una variante del lituano, mentre il premio per la lingua occitana è stato appannaggio dell’appassionata insegnante Michèle Stenta. Il frisone Arnold De Boer “Zea” ha ottenuto il primo posto per la composizione musicale e il gallese Roger Williams ha vinto il premio per la sezione cinema.

Per quanto riguarda poi la sezione Minoranze linguistiche storiche presenti in Italia il premio è stato assegnato a Stefen Dell’Antonio Monech, presentato da Sabrina Rasom direttrice dell’Istituto Culturale Ladino Majon di Fascegn, e da poco confermata nel suo incarico a conclusione di un primo intenso mandato.

Catinaccio Rosengarten

La motivazione della Giuria fa riferimento all’impegno genuino e profondo messo in luce dal Dell’Antonio nella promozione e divulgazione della lingua ladina attraverso la musica, la letteratura e il teatro. Il Premio vuole essere inoltre un riconoscimento per le numerose Mascherèdes con le quali l’interprete dell’anima ladina ha dato continuità alla tradizione popolare che annovera il Carnevale di Fassa tra i più caratteristici dell’intero arco alpino.

Stefen è una persona poliedrica che fa della vita quotidiana una testimonianza attiva della sua identità, legandola all’ambiente di montagna e alla sua cura e traducendola in arte letteraria. Nel corso della intensa tre giorni, e in particolare in occasione dell’apposito spazio a lui riservato, l’autore ha avuto l’opportunità di confermare in modo brillante quanto scritto dalla Giuria con la lettura dei propri testi, con delle riflessioni spontanee e con la musica con la quale ha concluso un intervento molto apprezzato.

Immobiliare Scorpion
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento