Tornare a fare sport dopo aver avuto il Covid

Mentre l’attenzione continua a essere incentrata sulla gestione dell’epidemia, la FMSI, la federazione medico sportiva del CONI, ha promosso la firma di un protocollo per l’idoneità e la ripresa all’attività sportiva agonistica per gli atleti non professionisti guariti dal Covid-19. Il documento è stato approvato nei giorni scorsi dal Ministero della Salute.

Nel protocollo si legge: “Nella valutazione di atleti COVID-19 positivi guariti è necessario porre particolare attenzione agli apparati il cui coinvolgimento è più frequente e potenzialmente rischioso per i possibili esiti a lungo termine, attraverso la raccolta dell’anamnesi e l’esecuzione di un esame obiettivo accurato alla ricerca di segni e/o sintomi che possono essere indicativi di un possibile coinvolgimento di specifici organi e/o apparati. Un’ulteriore attenzione va prestata ad atleti che, pur non avendo ricevuto una diagnosi certa di infezione da Sars-COV-2  mediante test molecolare abbiano tuttavia sviluppato una sintomatologia suggestiva in un periodo compatibile con la circolazione del virus”. I medici sportivi sono quindi chiamati a prestare particolare attenzione alle possibili conseguenze della malattia, in particolare su polmoni e cuore, prima di procedere al rilascio dell’idoneità.

L’atleta che si ammala dopo il rilascio del documento che lo abilita alla pratica agonistica è tenuto ad informare, ad avvenuta guarigione, il medico specialista che lo aveva certificato per valutare il possibile ritorno all’attività.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento