Trento Film Festival, day by day – 9° giorno

Fra gli eventi di questo 9° giorno del Trento Film Festival vi segnaliamo:

Alle 11.30, l’ultimo appuntamento della rubrica Avventura fuori porta, in Piazza Cesare Battisti: Il Lagorai è il nostro Nepal sara un incontro fra Tarcisio Deflorian della Commissione Sentieri SAT, il giornalista Fabrizio Torchio e lo scrittore Leonardo Bizzaro. Deflorian e Torchio, con la loro profonda conoscenza delle montagne, come trovare territori selvaggi e sperimentare l’avventura a pochi chilometri dalla citta, spiegando dove andare ma soprattutto come. E ci raccontano gli esempi che arrivano dal passato, per primi ovviamente quelli dei pionieri britannici. In caso di maltempo, l’evento si terra a Palazzo Benvenuti.

Alle 15.45, presso Casa della SAT, l’incontro di Punto Salute: prevenzione e informazione per una montagna consapevole a cura di Commissione medica e SAT Centrale.

Alle 16, HarpoLab ospitera la masterclass Scenografie ed ambiente montano. Quando il cinema incontra la natura: Massimiliano Nocente, scenografo de Le otto montagne, ci raccontera della sua “relazione” col mondo della montagna durante la preparazione e le riprese del film grazie al quale e stato candidato quale miglior scenografo ai David di Donatello 2023.

Alle 17, in Sala della Filarmonica, tocchera al convegno Montagnaterapia, a cura del Cai, con la partecipazione del Coro PRISMA.

Alle 17.30, presso il Chiostro degli Agostiniani, la presentazione del libro Nelle tracce del lupo di Davide S. Sapienza e Lorenzo Pavolini. Fabio Di Pietro dialoghera con gli autori su come il lupo sia diventato, oltre che simbolo del contendere, anche un mezzo attraverso cui rivedere la relazione con la natura e le sue regole, per poter così capire l’importanza di mantenere un legame profondo con la Terra.

Per la rubrica Un’ora per acclimatarsi, alle 19 in Piazza Cesare Battisti, la giornalista Cristina Da Rold, l’esperta di urbanistica e governance del paesaggio Irma Visalli e il testimone diretto della tragedia del Vajont Marcello Mazzucco dialogheranno sul tema Memoria collettiva: il caso Vajont, ripercorrendo la vicenda sessant’anni dopo, per capire come mantenerne viva la memoria nonostante il passare del tempo e lo sviluppo di nuove forme di comunicazione e di interpretazione storica. In caso di maltempo, l’evento si terra negli spazi del Chiostro degli Agostiniani.

Fassa Coop

Infine, alle 19.30, presso il MUSE, e prevista l’attesissima Cerimonia di premiazione del 72. Trento Film Festival.

Ecco i film da non perdere in questa penultima giornata di Festival.

Oltre alle repliche dei film in Concorso premiati dalla Giuria internazionale, in programma a partire dalle 21 presso il Multisala Modena, segnaliamo fra le Anteprime il film di chiusura Kinra – Motherland di Marco Panatonik (Supercinema Vittoria, ore 21), la vicenda di Atoqcha, che parte per un viaggio, dalla casa in montagna dove vive sua madre verso la citta di Cusco, alla ricerca di un posto dove vivere e lavorare, e di un futuro piu promettente.

Dorigoni

Per la sezione Terre Alte, verra proiettato in anteprima italiana Nim di Cristina Ghinassi (Multisala Modena, Sala 2, ore 15). il film narra la storia di un canelupo cecoslovacco che trascorre le proprie giornate in un rifugio a 1.560 metri di altitudine, guidandoci alla scoperta di una delle valli piu selvagge del Parco Nazionale d’Abruzzo.

Per la sezione Alp&Ism e in programma Chronoception di Guillaume Broust (Multisala Modena, Sala 3, ore 19), il racconto in anteprima nazionale di una spedizione di ventidue giorni tra le montagne del Kirghizistan. Sulle orme del popolo nomade del Paese e dell’antica Via della Seta, Thomas Delfino, LeJa Klaue e AureJlien Lardy intraprendono un’avventura in uno dei luoghi piu remoti e ancora inesplorati dell’Asia: i monti Kokshaal-Too.

Infine, i due appuntamenti con le Proiezioni speciali di questa giornata.

Enigma di Alessandro D’Emilia e Verso la sorgente. La Sarca, dalla foce al ghiacciaio di Roberta Bonazza e Luciano Stoffella (Multisala Modena, Sala 3, ore 16.45) saranno proiettati in anteprima italiana grazie alla collaborazione con Montura. Il primo e il racconto di un’avventura tra amici, nata da un’idea di Nicola Tondini, condivisa con Alessandro Bau e Alessandro Beber: il 24 e 25 giugno 2023, il terzetto torna infatti in parete assieme e libera la via One Push. Il secondo e invece incentrato sul viaggio compiuto da Danny Zampiccoli e Giampaolo Calza, due guide alpine abituate alle risalite, che stavolta hanno ripercorso controcorrente il fiume Sarda, dal lago di Garda fino al ghiacciaio dell’Adamello-Mandron.

(Re)balance di Bruno Pisani (Multisala Modena, Sala 2, ore 17) e il Cincontri odierno, in collaborazione con Trentino Marketing. Il film attraversa le terre alte del Trentino, accompagnando quattro content creators nella ridefinizione di confini e certezze. In sala, i protagonisti del film – Bruno Pisani, Petra Cola, Sanni Oksanen e Gustavo Karlsson – racconteranno del loro viaggio dentro la natura della montagna, alla ricerca della parte piu autentica di loro stessi.

Immobiliare Scorpion
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento