Tutte le sfumature di Marcialonga

Negli anni la granfondo di Fiemme e Fassa ha assunto nuove forme, senza mai perdere quella originale.  Anche per il 2022 gli organizzatori stanno lavorando per  preparare al meglio gli eventi principali e quelli di contorno.

La 49.a edizione della Marcialonga è in programma il 30 gennaio lungo i due tracciati classici: quello tradizionale di 70 km da Moena a Cavalese e quello della Marcialonga Light di 45 km da Moena a Predazzo.

Nel fitto programma del prossimo fine gennaio il secondo evento di punta è la Marcialonga Story, pronta a festeggiare la 10.a edizione. Il revival avrà luogo sabato 29 gennaio con partenza allo Stadio del Fondo di Lago di Tesero e arrivo a Predazzo. Come noto sono ammessi 300 fondisti in possesso di attrezzatura antecedente l’anno 1976 e con abbigliamento d’epoca. 

Ma il cuore Marcialonga pulsa anche con tanti altre manifestazioni di contorno, a partire da venerdì 28, quando i più piccolini (fino ai 6 anni) potranno esibirsi e provare gli sci da fondo anche per la prima volta nel viale principale di Predazzo, divertendosi assieme alle mascotte Fondolo e Skiri.

A Lago di Tesero invece è particolarmente attesa la Minimarcialonga, giunta alla 36.a edizione e in programma sabato 29. Al via mini fondisti tra i 6 e i 12 anni; di fatto è una non competitiva, ma la voglia di esibirsi e divertirsi è sempre tanta e la manifestazione raduna ogni volta 500 giovanissimi nei binari della tecnica classica.

Marcialonga rappresenta anche il viatico per i più grandicelli verso le competizioni. Da qualche anno si disputa infatti la Marcialonga Young, con una prima parte sabato pomeriggio a Lago di Tesero e la seconda parte il giorno della Marcialonga, tra Lago e Cavalese, una gara riservata alle categorie U14, U16, U18 e U20.

C’è anche la solidarietà: con la Marcialonga Stars, la non competitiva a scopo benefico promossa in collaborazione con LILT (Lega Italiana per la Lotta ai Tumori), nel pomeriggio di sabato vengono raccolti fondi per supportare i malati di cancro. Tanti i nomi della politica e dello sport che partecipano e danno visibilità e tanta anche la gente comune. L’invito in questo caso è esteso a chiunque voglia dare un contributo alla causa e divertirsi con gli sci stretti o le ciaspole (ma anche camminando) all’interno dello Stadio del Fondo di Lago di Tesero.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento