Ultima prova de “La Sportiva Mountain Running Cup”

È una sfida nella sfida la terza Latemar Mountain Race, che domani animerà i monti Cornon e Agnello, nonché i passaggi dolomitici di Passo Feudo e Torri di Pisa. Fra i partecipanti c’è chi ha messo nel mirino la classifica del circuito La Sportiva Mountain Running Cup e chi esclusivamente il successo finale, come ad esempio il valdostano Nadir Maguet, azzurro di sci alpinismo e alfiere del team Laspo, che alla vigilia della gara fiemmese ha dichiarato di voler lasciare il segno, nonostante il raffreddore dei giorni scorsi, per riscattare una stagione estiva che non lo ha appagato in quanto a risultati.
E poi c’è chi punta sia al successo finale, sia alla conquista dell’edizione 2021 del circuito, come il forte keniano Dennis Bosire Kiyaka, attualmente secondo nella generale senza considerare il gioco degli scarti, che ha tutte le carte in regola per indossare il pettorale giallo nero di campione. Sarà della partita anche il leader della classifica Christian Modena, nonostante oggi partecipi ad un trail, quindi il piemontese Gianluca Ghiano, il meranese Andreas Reiterer, specialista delle gare su lunga distanza. Ed ancora i due atleti di casa Daniele Felicetti del team Dynafit (che non è in ottime condizioni fisiche) e Stefano Gardener fondista del Cs Carabinieri, ma pure gli specialisti di corsa in montagna Andrea Debiasi, Daniele Andreis, Davide Della Mina e Luigi Pomoni.
Stesso principio anche per la gara femminile, dove nella lotta per la vittoria finale e del circuito La Sportiva Mountain Running Cup sulla carta la favorita è senza dubbio Alice Gaggi, che tenterà anche di recuperare i 46 punti di svantaggio (senza gli scarti), che ha attualmente in classifica sulla leader Francesca Rusconi, mentre in terza posizione della generale troviamo Daniela Rota del team Laspo con 49 punti da recuperare. Nel ruolo di outsider le quotate Martina Cumerlato del team Crazy e Martina Bilora del team La Sportiva, senza velleità per il circuito, ma con l’intenzione di ottenere un grande risultato.
Nel frattempo gli organizzatori dell’Us Cornacci di Tesero, coordinati dal presidente Alan Barbolini e dal direttore tecnico Giorgio Deflorian, hanno terminato l’allestimento del suggestivo percorso, che si sviluppa sui 25 km con un dislivello positivo di 1680 metri. «Per la nostra società e per la nostra valle – precisa Barbolini – non sono giorni facili, perché la tragica perdita di Elisa Deflorian, appassionata di montagna e da sempre tifosa anche del nostro evento che seguiva sempre lungo il percorso ci ha scosso molto. La porteremo sempre nel cuore, così come i 100 volontari che stanno lavorando in questi giorni per la perfetta riuscita. Abbiamo predisposto ben 6 ristori complessivi, ponendo particolare attenzione ai protocolli Covid 19 in tema di distanziamento, mascherine in zone di assembramento. Inoltre per accedere al tendone dove è previsto il pasta party a fine gara abbiamo previsto il green pass. Per chi non è munito abbiamo allestito tavole e panche all’aperto».
Le iscrizioni sono ancora aperte, con richiesta di autocertificazione attestante l’assenza di misure di quarantena ed avere con sé la mascherina. Si può effettuare on line sul sito www.latemarun.com/iscrizioni, e per i ritardatari direttamente all’ufficio gare di Pampeago.

Foto: Pegasomedia

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento