Un’estate in mostra a Casa Jellici di Tesero

L’estate culturale teserana vedrà ancora al centro Casa Jellici, da molti anni sede ideale per l’allestimento di mostre temporanee. Quest’anno vede saranno sei le esposizioni tra fine giugno e metà settembre, promosse dall’Assessorato alla Cultura del Comune in collaborazione con varie realtà associative, curatori ed artisti locali ed non.

Si inizia sabato 29 giugno con l’apertura di “Artigianato, Arte e Amicizia in mostra”, una mostra dedicata all’artigianato artistico, organizzata in ricordo del compianto Gioviano Mich (1951-2004), che per anni è stato l’instancabile promotore di esposizioni volte a valorizzare la creatività artigianale. A seguire, il Bonsai Club Fiemme ci porterà a scoprire “L’affascinante mondo dei bonsai”, esposizione in calendario da martedì 09 a martedì 16 luglio. Ritorna, dal 21 luglio al 10 agosto, la mostra etnografica in occasione de “Le Corte de Tiézer” intitolata “Un tuffo nel passato”, una proposta che si abbina alla 42^ edizione della storica manifestazione folcloristica e che porterà i visitatori a riscoprire e approfondire la vita rurale del paese fiemmese. Da giovedì 15 fino a venerdì 23 agosto sarà la volta di “Atmosfere a confronto”, mostra di pittura e disegno a cura degli artisti Enrico Liverani e Marcello Cecchetti, mentre a fine agosto è il turno di un’esposizione molto particolare e inedita di Daniele Caleffi dal titolo “La Storia attraverso le scatole di fiammiferi” con la straordinaria collezione di antiche scatole di fiammiferi decorate con bellissime immagini d’epoca, La stagione  delle mostre a Casa Jellici si concluderà con “Art è Donna 2024”, mostra di arte femminile promossa e organizzata dall’Associazione “La Voce delle Donne”, in programma da mercoledì 4 a domenica 15 settembre. A esporre sarà un gruppo di artiste delle valli di Fiemme e Fassa.

Tutte e sei le mostre sono ad ingresso libero. Di seguito il calendario e le informazioni dettagliate delle singole iniziative espositive.

Fassa Coop

Accanto alle mostre da segnalare i due nuovi percorsi tematici della Val di Stava inaugurati nella primavera 2024: un affascinante viaggio fra terra, acqua e cielo, due proposte culturali all’aria aperta che si legano a due realtà come il Centro Stava 1985 e l’Osservatorio Astronomico Val di Fiemme.

“Dove Stava una valle” è il percorso che, seguendo il Rio Stava, porta all’omonima frazione partendo da Tesero (piazza C. Battisti e ponte “romano”). Tramite alcuni punti informativi, integrati da elementi multimediali consultabili su smartphone, ci parla di una valle perduta dove gli uomini, l’acqua del torrente e la terra avevano trovato un equilibrio poi spezzato il 19 luglio del 1985.

Catinaccio Rosengarten

“La via dei pianeti”, invece, da Stava riporta verso il paese di Tesero attraversando letteralmente il Sistema Solare! Il percorso porta a conoscere i pianeti che lo compongono tramite pannelli informativi collocati in modo da riprodurre fedelmente le distanze in scala: ogni passo sono 1,5 milioni di km.

Da sottolineare inoltre la possibilità per i visitatori di scoprire, oltre ai testi e alle immagini sui pannelli, anche una serie di contenuti multimediali in più lingue tramite QR-code grazie all’App MobiCult (scaricabile da PlayStore, App Store e Google Play.

Immobiliare Scorpion
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento