#vivere in rifugio: i rifugisti al Trento Filmfestival

Giovedì 5 maggio alle 17.30 a palazzo Roccabruna di Trento i gestori di rifugio delle Dolomiti Patrimonio Mondiale saranno protagonisti di un evento organizzato dalla Fondazione DolomitiUNESCO nell’ambito del Trento Film Festival. Sarà l’occasione per presentare l’iniziativa #vivereinrifugio, nata proprio dalla Rete dei Gestori di Rifugio delle Dolomiti UNESCO per raccontare in prima persona la loro attività quotidiana, al fine di accrescere la consapevolezza dei frequentatori, in funzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Da diversi anni la Fondazione Dolomiti UNESCO accompagna i 66 gestori di rifugio che rientrano nell’area «core» del Patrimonio Mondiale in un percorso di formazione, ascolto e collaborazione. La frequentazione della montagna ha subito in questi ultimi anni dei cambiamenti qualitativi e quantitativi e gli stessi gestori hanno iniziato a riflettere sulla necessità di trasmettere ai loro ospiti il senso del loro lavoro, i confini di un’attività che è prima di tutto un presidio montano, le difficoltà quotidiane sulle quali vanno calibrate le richieste (e talvolta le pretese) dell’utenza, in particolare rispetto al consumo idrico che anche questa estate, dopo un inverno pressoché privo di precipitazioni, sarà il vero banco di prova di una responsabilità condivisa.

Di qui l’idea, emersa nel novembre scorso durante l’annuale corso organizzato dalla Fondazione e svoltosi a Primiero-San Martino di Castrozza, di mettersi in gioco per comunicare direttamente con il pubblico, un po’ come si fa durante le lunghe giornate in rifugio. Le molte testimonianze raccolte durante i primi quattro anni della trasmissione televisiva «Noi DolomitiUNESCO», realizzata dal giornalista Giambattista Zampieri, saranno la base per una serie di pillole video che verranno però anche autoprodotte dagli stessi gestori durante la stagione, per informare gli utenti sulle piccole e grandi sfide quotidiane di un’attività unica, che riveste un forte significato di presidio ambientale, culturale e di sicurezza.

I gestori di rifugio devono sapersela cavare nelle più disparate circostanze, hanno competenze precise e al tempo stesso la necessità di adattarle a un contesto che cambia in continuazione; ma sono soprattutto le sentinelle del Patrimonio Mondiale, vedono prima di chiunque altro le trasformazioni dell’ambiente ei cambiamenti nel modo di frequentarlo.

Per questo, all’evento di Trento, si parlerà non solo dell’iniziativa #vivereinrifugio, ma anche del ruolo dei gestori, a 360°. Saranno presenti Mara Nemela– direttrice della Fondazione Dolomiti, Roberta Silva-presidente dell’Associazione Rifugi del Trentino e gestore del Rifugio Roda di Vael (TN), Marika Freschi-gestore del Rifugio Pordenone (PN), Raffale Alimonta– Rifugio Alimonta (TN) e Mario Fiorentini-presidente di AGRAV Associazione Gestori Rifugi Alpini del Veneto e gestore del Rifugio Città di Fiume (BL).

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Lascia un commento