Crowdfunding per il Museo diffuso della Ora-Predazzo.

Quando percorriamo a piedi o in bicicletta i tratti di strada, anche quelli meno frequentati, che insistono sul sedime della vecchia ferrovia della valle di Fiemme, pensiamo sempre all’idea di Transdolomites di realizzare un Museo all’aperto alla memoria della dismessa Ferrovia Ora-Predazzo che sta iniziando a prendere piede. Si tratta di percorso museale per mantenere viva la memoria della storica ferrovia e proporre un’esperienza di “Museo vivo e dinamico”.

Ora l’associazione ha attivato a livello nazionale un progetto di “crowdfunding”, per l’autofinanziamento del progetto che prevede diversi interventi. A Ora, il Comune ha ricevuto in concessione dalla Provincia di Bolzano la stazione storica della Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme e l’area di pertinenza. Sarà un luogo per promuovere attività culturali, creare uno spazio da destinare all’allestimento del museo storico ferroviario e attrezzare alcune stanze per l’ospitalità dei ciclisti: un centro di sosta e di riferimento per la mobilità dolce, con particolare attenzione ai turisti, che tramite la ciclabile verrebbe smistata verso varie direttrici tra cui appunto quella sul vecchio tracciato ferroviario per Predazzo.

A Predazzo, capolinea della ferrovia in Val di Fiemme, il Comune ha già restaurato la stazioncina costruita nel 1929 su progetto dell’architetto Ettore Sottsass e che sarà parte integrante della nuova biblioteca che forse si chiamerà proprio “La stazione”. Recuperato anche il ponte di ferro sul torrente Travignolo dove passa la ciclabile.

Il progetto prevede inoltre lavori di pulizia per mettere in evidenza i ponti ferroviari, le tante “tracce“ ancora sopravvissute allo smantellamento della linea ferroviaria e la collocazione di pannelli illustrativi.

Altro intervento impegnativo sarà il restauro di quattro vagoni ferroviari: un vagone merci che fece servizio sulla ferrovia della Val di Fiemme e tre vagoni trasporto persone donati a Transdolomites nel 2017 dalla Regione Liguria e che saranno collocati a Ora, Montagna, Castello Molina, e Predazzo, A restauri finiti saranno esposti nelle aree ferroviarie storiche appositamente predisposte. A Predazzo, una carrozza troverà posto fra la stazione e il nuovo edificio della biblioteca.

“Il Museo diffuso dedicato alla memoria della Ferrovia Ora-Predazzo una volta attivo sarà il primo Museo in Italia dedicato alle ferrovie di montagna a scartamento metrico – afferma Massimo Girardi presidente di Transdolomites – lo consideriamo un vero e proprio investimento volto a promuovere una nuova forma di turismo maggiormente stanziale, di alto profilo culturale, molto sentito a livello europeo da parte degli appassionati di ferrovie, preposto a fare rete con altri musei dei trasporti in Trentino”.

Per effettuare la donazione puoi cliccare QUI. Le donazioni si possono anche fare sul c.c. bancario 04/162322 IBAN IT96 -U081-4005-7250-0000-4162-322, con la causale Museo Diffuso della Ferrovia Ora-Predazzo.

Chi donerà una somma superiore a 10,00 € riceverà in omaggio un attestato di donazione stilizzato e nominativo.

 

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento